Confronta, Scegli e Risparmia! Chiama lo

02.947.553.39 Fatti Richiamare

Roaming in Europa o Estero: cos'è, come funziona e quando paghi

Risparmia Internet con Selectra

Fibra e Chiamate a soli 20,90€ mese! 

Offerta urlo! Chiama ora e Verifica in 2 minuti. Servizio gratuito.

Roaming in Europa o Estero

Scopri come funziona e quanto costa il Roaming in Europa e quello all'estero

Cosa significa Roaming e come funziona quando sei all'estero? Ma soprattutto come comportarsi in Europa e nel mondo? In questa pagina trovi tutte le risposte.

Il Roaming ti consente di utilizzare il telefono in aree non coperte dal tuo gestore in Europa e all’Estero. Scopri, in questo articolo, quanto costa il roaming dati e come funziona.


In breve Il Roaming consente di utilizzare il proprio smartphone potendo contare di una rete telefonica con cui poter effettuare e ricevere chiamate, messaggiare e utilizzare la rete dati anche quando ci si trova in un luogo che non è coperto da infrastruttura proprietaria del tuo gestore telefonico.

Bene, allora partiamo subito partendo dal capire cos'è e cosa significa Roaming.

Significato del Roaming

Il Roaming è un accordo che due o più operatori, nel campo delle telecomunicazioni, stipulano per far sì che i clienti di operatori terzi possano utilizzare le infrastrutture telefoniche (antenne e ponti radio) per chiamare, navigare o messaggiare in un paese dove non vi è copertura dell’operatore del cliente.

L’esempio classico è quello di una persona che, trovandosi all’estero, ha bisogno di mettersi in contatto con i propri cari in Italia. In questo caso entra in campo il Roaming che permette un "aggancio" automatico alla rete di un altro operatore terzo presente in quel paese straniero. Sarà così possibile chiamare e scriversi liberamente. Quindi in mancanza di infrastruttura del tuo operatore, il tuo telefono “aggancia” momentaneamente una rete di altro operatore allo scopo di garantirti continuità nel servizio telefonico e nella navigazione con i dati. Questo accade all'estero come in Italia.

In poche righe... Il Roaming è stato abolito dalla Commissione Europea a partire dal 15 giugno 2017. Se ti rechi in un Paese dell'Unione Europea quindi il roaming sarà gratuito se la tua permanenza su suolo straniero sarà temporanea e non stabile. Quindi parli, messaggi e navighi in tutta tranquillità durante i tuoi viaggi e le tue trasferte allo stesso costo e soglie previste dal tuo piano tariffario.

Abolizione del Roaming in Europa

Proprio a partire dal 15 giugno 2017 la Commissione Europea ha stabilito nella Regolamentazione Europea 2016/2286 che il roaming internazionale non debba avere sovra costo rispetto al roaming nazionale.

La regolamentazione è stata ribattezzata Roaming Like at Home (roaming come a casa) e rende bene l’idea di ciò che è stato regolamentato: ciò vuol dire che ti è possibile fruire del Roaming in Paesi dell’UE senza nessun aggravio di spesa rispetto alla tariffa prevista dal tuo operatore per il tuo piano, proprio come se ti trovassi in Italia.

Riportiamo nel riquadro sottostante la lista completa dei Paesi in cui è possibile utilizzare il Roaming like at home.

Roaming Like at Home: ecco dove I Paesi in cui è possibile attivare il Roaming senza sovra costo: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda, Liechtenstein, Norvegia

Ricorda che le nuove norme UE riguardano i servizi di dati, le chiamate vocali e gli SMS e che per usufruire di tale possibilità, devi semplicemente abilitare il Roaming nel menu Impostazioni del tuo cellulare. Ovviamente, teniamo a specificare che tale provvedimento non tiene conto delle chiamate effettuate dall'Italia verso altri Paesi dell'UE: infatti, tali chiamate continuano ad avere un costo aggiuntivo rispetto alle tariffe relative al traffico nazionale.

Quando è previsto un sovraprezzo

La regolamentazione europea di cui abbiamo parlato poco sopra prevede alcuni casi in cui gli operatori possono applicare ulteriori costi al piano telefonico rispetto alla tariffa prevista. Questo accade quando viene superata una certa soglia. Si tratta di una previsione che intende prevenire eventuali abusi da parte dell'utenza.

Il Roaming non è per sempre La gratuità del Roaming rimane vincolata ad una permanenza temporanea su suolo Estero. O ancora meglio: ad un uso temporaneo e non continuativo del device utilizzato. Se viene superata questa soglia sono previste penali e sovrapprezzi

Cosa vuol dire? Solitamente, la regola generale è che, purché si trascorra più tempo o si utilizzi più spesso il telefono cellulare nel proprio paese che all’estero, si potrà usufruire del roaming a tariffa nazionale durante i propri viaggi in qualsiasi paese dell’UE. Questo è considerato un utilizzo corretto e in buona fede dei servizi di roaming.

L’utente che tenesse un comportamento di utilizzo scorretto potrebbe essere contattato dall’operatore di telefonia mobile. Infatti, gli operatori possono rilevare gli eventuali abusi facendo un raffronto tra l’uso del roaming e l’uso a livello nazionale su un periodo di quattro mesi: qualora si riscontrasse che, in tale periodo, l’utente trascorresse la maggior parte del tempo all’estero e si registrasse un consumo superiore rispetto a quello effettuato nel proprio paese, sarebbe possibile per l’operatore fare ulteriori accertamenti volti a chiarire la situazione entro una tempistica di 14 giorni dalla “contestazione”. Se l’utente dovesse persistere in tale pratica, l’operatore può applicare un leggero sovrapprezzo al consumo in roaming.

Tale costo aggiuntivo è limitato a 3,2 centesimi al minuto per le chiamate vocali e a 1 centesimo per gli SMS. Per i dati, il sovrapprezzo ammonta a 4,5 euro per GB (dal 1° gennaio 2019), a 3,5 euro per GB (dal 1° gennaio 2020), a 3 euro per GB (dal 1° gennaio 2021) e infine a 2,5 euro per GB (dal 1° gennaio 2022).

Ovviamente, nel caso abbiate necessità di spostarvi per periodi lunghi, vi consigliamo di attivare una SIM di un operatore locale del Paese nel quale vi sposterete.

Roaming: 3 domande frequenti

In questa sezione, vi presentiamo alcune domande e risposte frequenti sui quali l’utente ha ancora qualche dubbio.

  1. Se mi trovo in viaggio, quanto mi costa ricevere una chiamata?
    Niente. Per chi viaggia in Paesi UE, non ci sono costi. Proprio come in Italia.
  2. Posso usufruire del roaming a tariffa nazionale sulle navi all’interno dell’UE?
    No. Le norme sul roaming nell’UE si applicano unicamente alle rete mobili terrestri. Quando le connessioni sono fornite attraverso altri tipi di trasmissione radio, ad esempio tramite sistemi satellitari a bordo di navi o aeromobili, i servizi non sono soggetti ai massimali tariffari vincolanti dell’UE.
  3. Nel mio paese di residenza dispongo di chiamate vocali e SMS illimitati. Posso fruirne con il roaming a tariffa nazionale?
    Proprio così! Dal 15 giugno 2017 non sono consentite restrizioni per quanto riguarda quantità e volumi per le chiamate vocali e gli SMS con i servizi di roaming in Paesi UE.
Aggiornato in data