Trasloco / Energia elettrica e gas

Attivazione contatore luce e gas in una sola chiamata

  • Vi accompagniamo in tutte le pratiche
  • Servizio 100% gratuito
02 947 553 39 lun-ven dalle 8:30 alle 20 ed sab dalle 9 alle 13
o
Inserire un numero di telefono valido

Noi confrontiamo

Cambiare casa non è mai semplice e può trasformarsi in una fonte di stress. Capita infatti di dimenticare l'invio per tempo di pratiche importanti ritardando così il trasferimento nella nuova casa. Ad esempio, riattivare in ritardo il contatore dell'energia elettrica e gas può posticipare di molto il trasloco.

Con la nostra guida dedicata al trasloco delle utenze luce e gas ti spieghiamo come evitare inutili ritardi.

Qual è lo stato dei contatori nella nuova casa?

Questa è la prima domanda da porti per identificare quale pratica avviare e chi contattare. Dovrai avviare una voltura, un subentro o un allacciamento: ognuna di queste operazioni richiede tempi e costi differenti. Comprenderli è il primo passo per assicurarsi un trasloco senza intoppi.

  1. Contatori attivi: i contatori sono in funzione perché ancora intestati all'inquilino precedente. Ti occorre recuperare una bolletta del precedente  affittuario per poter procedere alla voltura ovvero al cambio intestatario del contratto;
  2. Contatori chiusi: chi viveva in casa prima del tuo arrivo ha deciso di disdire i contratti di luce e gas. Occorrerà riattivare i contatori richiedendo un subentro al fornitore di tua scelta;
  3. Contatori assenti: bisognerà richiedere l'allacciamento dell'appartamento alla rete elettrica ed a quella del gas metano, qualora possibile. Non tutte le zona sono infatti coperte della rete del gas, in quel caso occorrerà pensare ad una soluzione alternativa, come ad esempio il GPL.

Intestare luce e gas a proprio nome: voltura

Quando il vecchio inquilino non ha provveduto all'invio della disdetta dei contratti luce e gas, le utenze risultano attive a suo nome e sarà tuo interesse eseguire la voltura. Con questa operazione si cambia il nome dell’intestatario della bolletta. Per farlo dovrai contattare il fornitore con cui sono attive le utenze, ecco perché è necessario recuperare una vecchia bolletta: ti occorrerà per sapere quale fornitore contattare, i dati del vecchio intestatario ed i dati della fornitura (codice POD per la luce e PDR per il gas).

Il costo della voltura può variare da un fornitore all'altro. Al costo fisso amministrativo di circa 26€ si aggiunge una quota di servizio scelta dal fornitore che può variare considerevolmente dai 20 ai 60€ più l'IVA al 22%. Le tempistiche per la voltura di luce e gas sono all'incirca di due settimane dal momento in cui si invia la richiesta di intestarsi le utenze. 

Con la voltura accetti le condizioni contrattuali del precedente inquilino La semplice modifica dell'intestatario del contratto non cambia le condizioni contrattuali. Ciò significa che accetti il prezzo pagato dal precedente inquilino, la potenza del contatore, le condizioni dell'offerta sottoscritta e così via. Per questo una volta intestate a te le utenze ti consigliamo di confrontare le offerte per scegliere le condizioni personalizzate in base alle tue esigenze.

Riattivare i contatori chiusi: subentro

subentro luce gas

In questo caso il vecchio inquilino ha già provveduto a disdire il contratto di luce e gas. Le utenze sono state chiuse e non c’è erogazione di luce e gas. Come fare per esserne certi? La levetta del contatore della luce una volta alzata non resta su; mentre sul contatore del gas troviamo gli appositi sigilli messi dal tecnico del distributore del gas. 

Per la riattivazione dei contatori sei libero di contattare il fornitore che preferisci e che a tuo avviso è il più conveniente. Sul mercato esistono un'infinità di offerte, ecco perché affidarsi alla nostra consulenza gratuita ti farà risparmiare tempo e denaro. Contattaci allo 02 947 553 39 o utilizza il servizio di richiamata.

Nella tabella puoi vedere le tempistiche massime per la riattivazione del contatore chiuso previste dalla normativa che quindi sono uguali per tutti i gestori. La riattivazione della luce avviene a distanza con un comando dalla centralina. Per quanto riguarda il gas è necessario il passaggio del tecnico del distributore locale che tolga il sigillo manualmente. Una volta partita la richiesta viene fissato un appuntamento al quale l’intestatario o un delegato dovrà essere presente per la riattivazione.

Quanto tempo occorre per riattivare luce e gas
Tipo di utenza Tempistiche

Contatore energia elettrica

7 giorni lavorativi

Contatore del gas

12 giorni lavorativi

Tra i costi per la riattivazione c’è sempre il contributo amministrativo destinato al distributore locale pari a circa 26€ a cui si aggiungono gli oneri di gestione della pratica per il fornitore ed eventualmente il costo dell’imposta di bollo pari a 16€. In alcuni casi, soprattutto quando il pagamento è con il bollettino postale, il fornitore richiede un deposito cauzionale, in base alla potenza contatore o ai consumi. Dunque il costo dell’attivazione di un’utenza varia in base al gestore e può oscillare tra i 40 ed i 70€ per ciascuna utenza.

Installare i contatori di luce e gas: allacciamento

Nel caso ti trasferisci in una casa di nuova costruzione è molto probabile che i contatori siano assenti. In questo caso dovrai inoltrare la richiesta di allacciamento alla rete elettrica e del gas. I costi e le tempistiche sono superiori rispetto ad un normale subentro e dipendono dai lavori necessari ai fini dell'installazione che possono essere complessi o semplici. Ecco i passi principali dell’allacciamento alla rete esterna:

  1. Invio richiesta allacciamento. Puoi inviare la richiesta sia al distributore di zona, deputato all'installazione del contatore ma non alla sua attivazione, sia al fornitore. In questo modo oltre a richiedere l'allacciamento alla rete, sottoscrivi il contratto per l'attivazione del contatore di luce o gas;
  2. Dopo un sopralluogo del tecnico del distributore, riceverai un preventivo il cui costo dipende dall'entità dei lavori necessari per l'installazione del contatore. Ricorda che i lavori avranno inizio soltanto dopo aver corrisposto la somma; 
  3. Esecuzione dei lavori necessari;
  4. Installazione contatore;
  5. Attivazione dell’utenza, nel caso in cui tu avessi contattato direttamente il fornitore, come anticipato nel primo punto. In caso contrario, dovrai sempre contattare un fornitore per l'inizio dell'erogazione del servizio. Ecco perché ti consigliamo di contattare direttamente il fornitore sin dall'inizio.

L'allacciamento del gas e la delibera 40 Per l’utenza del gas è necessario seguire una specifica procedura, dettata dalla delibera 40. Il cliente deve inviare una documentazione, da far compilare anche al tecnico che ha eseguito i lavori dell'impianto interno del gas. Nella dichiarazione si attesta che l’impianto privato è stato eseguito come da normativa. Il contatore del gas non viene attivato finché il distributore locale non approva la documentazione inviata dal cliente.

Scegli il giusto fornitore di luce e gas per la tua casa

Soprattutto in caso di subentro ed allacciamento, ma anche in caso di voltura, è buona norma confrontare le offerte. Nel mercato di energia elettrica e gas operano all'incirca un centinaio di fornitori, ognuno dei quali  offre una vasta gamma di offerte. Enel, Eni, Sorgenia, Engie: districarsi tra l'uno e l'altro non è affatto semplice soprattutto se di mezzo ci sono le bollette di luce e gas. E' in questo caso che entra in gioco la comparazione delle tariffe di luce e gas nella quale possiamo darti un supporto gratuito e puntuale. 

I fornitori della luce meno cari rispetto al prezzo del tutelato
Fornitore Prezzo Caratteristiche Maggiori informazioni
offerte enel

e-light luce

Risparmio di 32€/anno rispetto alla spesa annua con tariffa regolamentata.   Il prezzo è bloccato per 12 mesi e prevede l'addebito su conte corrente bancario.

06 94 808 087

Mi faccio richiamare

offerte eni

Scelta Sicura

Risparmio di 44€/anno rispetto alla spesa annua con tariffa regolamentata.

Sconta il prezzo regolamentato del 20% e il prezzo è fisso per i successivi 6 mesi

06 94 808 040

Mi faccio richiamare

offerta wekiwi

Energia prezzo fisso

Risparmio di 100€/anno rispetto alla spesa annua con tariffa regolamentata.
  • Il prezzo è bloccato per 12 mesi e gode di un ulteriore sconto se l'utente gestisce l'utenza tramite app o via email;
  • Sistema della cariche mensili per sventare i maxi conguagli.

010 848 0198

Mi faccio richiamare

I fornitori del gas meno cari rispetto al prezzo del tutelato 
Fornitore Prezzo Caratteristiche Maggiori informazioni
tariffe sorgenia

Next Energy

Risparmio di 92€/anno rispetto alla spesa annua con tariffa regolamentata.   Il prezzo è bloccato per 12 mesi e paghi con addebito sul conto corrente.

041 852 1269

Mi faccio richiamare

offerte engie

Energia 3.0

Risparmio di 135€/anno rispetto alla spesa annua con tariffa regolamentata.

Il prezzo è bloccato per 24 mesi ed è possibile gestire online l'utenza del gas.

Attiva online

offerta wekiwi

Gas prezzo fisso

Risparmio di 135€/anno rispetto alla spesa annua con tariffa regolamentata.
  • Il prezzo è bloccato per 12 mesi e gode di un ulteriore sconto se l'utente gestisce l'utenza tramite app o via email;
  • Sistema della cariche mensili per sventare i maxi conguagli.

010 848 0198

Mi faccio richiamare

Quali sono gli errori da evitare durante un trasloco per le utenze luce e gas?

1. Ricorda di inviare la disdetta di luce e gas nella vecchia casa

Oltre ad attivare l'energia elettrica ed il gas nella nuova casa, ricorda che dovrai inviare la disdetta per la chiusura dei contatori nella casa che stai per lasciare onde evitare di ritrovarti a pagare due forniture in due differenti case. Ricorda che puoi avere più contratti di luce e gas intestati a tuo nome, ma che soltanto uno per ciascuna utenza può essere un contratto domestico residente. Gli altri dovranno obbligatoriamente essere dei contratti domestici non residenti.

Prima di chiudere i contatori segna la lettura corrente sia di luce che di gas: dovrai comunicarla al tuo fornitore insieme al nuovo indirizzo dove potrà farti recapitare la bolletta di chiusura ovvero l'ultima bolletta prima della disdetta definitiva del contratto.

2. Comunica i dati corretti del contatore

Prima di procedere con la richiesta di attivazione, è indispensabile individuare correttamente qual è il contatore di luce e gas che corrisponde alla nostra abitazione. Il pericolo è quello di riattivare un contatore del vicino, rischiando di pagare inutilmente i costi del subentro e di ritardare la nostra attivazione. Se possibile, sarebbe meglio recuperare una vecchia bolletta di quell’utenza, dove possiamo trovare i codici della fornitura (POD per la luce e PDR per il gas) evitando qualsiasi inconveniente. 

3. Invia per tempo la richiesta di attivazione dei contatori

Nella maggior parte dei casi durante un trasloco è necessario procedere alla riattivazione dei contatori di luce e gas. Ti consigliamo di fare richiesta circa 20 giorni prima di trasferirti nella nuova casa, perché per riattivare le utenze il gestore ha tempo fino ad un massimo di 7 giorni lavorativi per la luce e 12 per il gas. Attenzione però: provvedi sempre alla riattivazione dei contatori e solo in secondo momento alla disattivazione delle utenze nella vecchia casa per non ritrovarti in entrambe le case le utenze staccate.

Clienti soddisfatti

4,5 /5

Calcolato su 1228 opinioni