Trasloco / Energia elettrica e gas

Devi Cambiare Fornitore Luce e Gas?

Volture, Subentri, Allacci e Prime Attivazioni: se devi fare una di queste operazioni, chiama e parla con un esperto!

  • Chiama e Confronta le offerte del momento
  • Scegli la migliore per te: decidi tu!
  • Alle pratiche burocratiche ci pensiamo noi
  • Servizio 100% Sicuro: Ekomi Gold Approved
02 947 553 45 lun-ven dalle 8:30 alle 20 e sab 9 - 13 e 14 -18
O
Errore Chiamata inviata. Vi chiamiamo !
Errore Chiamata inviata. Vi chiamiamo !
O
La piattaforma e attualmente chiusa. Confronta online le migliori offerte da attivare!
Clicca qui!

Selectra ti aiuta a confrontare le offerte di

Trasloco luce e gas: da dove iniziare?

Tra gli innumerevoli impegni previsti in fase di trasloco da una abitazione all'altra, la gestione delle nuove utenze è sicuramente in cima alla lista. Infatti, prima di entrare in una nuova abitazione, la soluzione migliore è accordarsi con il vecchio proprietario dell'immobile in modo tale da gestire le utenze nella maniera più semplice possibile.

  • Le prime cose da fare:
  • recuperare le bollette del precedente inquilino o i codici dei rispettivi contatori;
  • verificare se le nuove utenze sono attive o disattivate;
  • scegliere l'offerta migliore che più corrisponde alle tue esigenze;
  • per info e attivazioni chiama lo 02 9475 5339 o fatti richiamare gratuitamente.

Cosa serve per fare un nuovo contratto?

Una volta avviata la procedura di trasloco per gestire al meglio le nuove utenze e soprattutto per massimizzare i tempi di attivazione, è fondamentale che il vecchio e il nuovo inquilino siano d'accordo tra di loro. In questo modo il vecchio proprietario può consegnare al nuovo locatario le sue ultime bollette e i dati catastali dell'immobile per attestare la regolare proprietà dell'immobile (acquisto, affitto, altri usi). Infatti queste ultime sono necessarie per il: 

  • Codice POD: identifica l'utenze dell'energia elettrica;
  • Codice PDR: per la fornitura del gas metano.

Questi dati sono indispensabili per poter richiedere un nuova attivazione di luce e/o gas. Il Codice POD e/o il PDR rappresentato una sorta di codice fiscale del contatore e di conseguenza ogni utenza ha il suo codice: per questo motivo non è possibile trasferire un contratto di luce e gas da una abitazione all'altra ma è sempre obbligatorio richiedere una nuova attivazione durante un trasloco. Tuttavia, in base all'operazione, occorrono o meno determinati dati. Nei prossimi paragrafi vediamo quali sono le casistiche tipo in base all'immobile: se di nuova costruzione o già abitato in passato. A seguire una simulazione di risparmio per una famiglia tipo composta da tre membri con alcune delle offerte più convenienti del mercato.

Offerte Luce & Gas: la classifica delle tariffe più convenienti
POSIZIONE NOME OFFERTA SPESA* (€/mese)
first-place
Prima Posizione

logo-sorgenia

Sorgenia Next Energy Luce e Gas

LUCE: 26,7€

GAS: 44,3€

Vai al sito

second-place
Seconda Posizione

logo-iren

Iren Quick Web


LUCE: 32€

GAS: 45,5€

Vai al sito 

third-place
Terza Posizione

logo-eni

Eni Link Basic


LUCE: 32,9€

GAS: 46,7€

Vai al sito

*La spesa mensile è stata calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Nuova costruzione: allacciamento o prima attivazione?

Se ci troviamo ad affrontare un trasloco all'interno di un immobile di nuova costruzione e quindi non vi è alcun precedente inquilino, è opportuno controllare lo stato delle utenze e verificare quale sia la corretta operazione da eseguire. Le possibilità sono due:

  • contatori di luce e gas sono presenti ma non sono mai stati attivati prima;
  • i contatori non sono presenti e non sono mai stati allacciati;

Nel primo caso il nuovo inquilino deve rivolgersi a un fornitore e chiedere una prima attivazione. In questo caso, dato che non esiste alcuna fatturazione precedente, i codici per richiedere l'attivazione vanno recuperati direttamente sui contatori: numero cliente sul display del contatore dell'energia elettrica (numero composto da 9 cifre) e il numero di matricola sul corpo macchina del contatore gas leggibile sopra o sotto un codice a barre (per i contatori di vecchia generazione è un codice numerico, per quelli di ultima generazione è alfanumerico). La tempistica di attivazione è di massimo 7 giorni lavorativi luce e massimo 12 giorni lavorativi il gas.

Passaggio al mercato libero!Qui tutti gli aggiornamenti e le news sul passaggio al mercato libero dell'energia previsto nel gennaio 2022.

Per il secondo caso si tratta di un allacciamento. Se i contatori non sono mai stati allacciati prima, il locatario può rivolgersi direttamente al distributore locale della zona per richiedere il preventivo oppure rivolgersi direttamente a un fornitore per richiedere sia l'allacciamento che contestualmente l'attivazione delle utenze. Per un nuovo allacciamento la tempistica può variare dai 30 ai 60 giorni lavorativi. Ovviamente in questo caso non è previsto alcun dato in merito alla fornitore in quanto le utenze sono inesistenti. Sia per la prima attivazione che per un nuovo allacciamento, per inoltrare la richiesta è indispensabile il numero di concessione edilizia e la relativa data di rilascio per attestare il permesso di costruire all'interno dell'immobile.

Immobile già abitato in passato: subentro o voltura?

Quest'ultimo caso, riguardante la maggior parte dei traslochi in una nuova abitazione, soprattutto per gli affitti, è il più semplice da gestire per le utenze. Infatti è sufficiente accordarsi con il precedente proprietario, così che il nuovo inquilino possa fare la voltura delle utenze senza subire alcun distacco di luce e gas oppure procedere con una richiesta di riattivazione. Anche qui le possibilità che possiamo incontrare sono due:

  • i contatori di luce e gas sono disattivati ma attivi in passato;
  • i contatori sono attivi ma intestati ancora al precedente inquilino.

Se i contatori sono ancora attivi ma intestati al precedente inquilino, bisogna procedere con una richiesta di voltura: il nuovo inquilino può rivolgersi, dunque, o al fornitore attuale (dato che l'utenza è ancora attiva) oppure a un'altro fornitore valutando una nuova offerta del mercato. Per questa operazione occorrono anche i dati catastali dell'immobile (foglio, particella, subalterno) recuperabili o sul contratto di affitto o nel modulo di compravendita dell'immobile.

dati catastali immobile
Esempio visura per immobile: in evidenza il numero del foglio, particella e subalterno.

Al contrario, se le utenze sono disattivate ma utilizzate in passato, recuperando le bollette del precedente inquilino o i codici dei rispettivi contatori, il nuovo inquilino, rivolgendosi a un fornitore del mercato, può inoltrare una richiesta di subentro: come per la prima attivazione, la tempistica massima è di 7 giorni lavorativi luce e 12 giorni lavorativi per il gas.