Confronta, Scegli e Risparmia! Chiama lo

02.947.553.39 Fatti Richiamare

Subentro: come attivare il contatore della luce e del gas?

Risparmia Internet con Selectra

Voltura, Subentro o Allaccio?

In 5 minuti! Chiama ora e trasloca le tue utenze luce e gas.

attivare contatori

Come attivare il contatore dell'energia elettrica e del gas

Sei arrivato nella nuova casa e le utenze sono state staccate dal precedente inquilino? Ecco come fare per attivare il prima possibile il contatore di luce e gas.

  • L'essenziale da sapere per attivare il contatore di luce e gas:
  • L'operazione da chiedere per riattivare un'utenza chiusa è il subentro;
  • Il costo del subentro è di ca 40-70 € e dipende dal fornitore;
  • Le tempistiche massime sono di 7 giorni lavorativi per la luce e 12 per il gas metano;
  • Per attivare il contatore puoi chiamare senza impegno il numero 02 947 553 45 o farti richiamare.

Cos'è il subentro di luce e gas?

Il subentro dell'energia elettrica e del gas è l'operazione per riattivare un contatore. L'utenza quindi deve essere regolarmente chiusa dal precedente intestatario tramite disdetta del contratto, in altre parole non deve esserci erogazione di luce e gas in casa. Spesso infatti gli utenti fanno confusione tra subentro e voltura, operazione che comporta esclusivamente il cambio del nome dell'intestatario del contratto per un contatore già attivo. 

Chi contattare per attivare il contatore luce e gas?

contratto utenza

Hai comprato una nuova casa o sei entrato in affitto e le utenze di luce e gas sono chiuse? Per la riattivazione puoi rivolgerti ad un qualsiasi fornitore di maggior tutela o del mercato libero, che propone la tariffa più conveniente e adatta alle tue esigenze.

Qualora l'utenza sia stata interrotta per mancato pagamento e risulti solo sospesa, il nuovo intestatario è obbligato a contattare il gestore che ha sospeso l'utenza. Se ti trovi in questa situazione continua a leggere il paragrafo per la riattivazione di un contatore chiuso per morosità.

Per il subentro luce o gas puoi scegliere un'offerta del mercato libero e attivare il contatore con Enel Energia, Eni, Iren, Sorgenia, Wekiwi, Edison, Acea Energia, A2A ecc. In genere le offerte più economiche prevedono il pagamento con la domiciliazione bancaria, tramite il conto corrente. Di seguito trovi le offerte dei principali gestori con i contatti per riattivare il tuo contatore. 

Offerte per l'attivazione di energia elettrica e gas
Fornitore Nome offerta Prezzo e vantaggi Maggiori info
offerta sorgenia
Next Energy luce gas
  • Prezzo bloccato per 1 anno
  • Pagamento con domiciliazione su conto corrente
  • Bolletta web
  • Promozioni se attivi luce e gas insieme

041 852 1269

Richiamata gratuita

Enel offerte luce gas
Enel luce gas
  • Prezzo bloccato per 1 anno
  • Pagamento con domiciliazione su conto corrente o bollettino
  • Bolletta web o cartacea

06 948 080 87

Richiamata gratuita

offerta wekiwi
Luce e gas prezzo fisso
  • Prezzo scontato per un anno
  • Sistema con la carica mensile scelta dal cliente in base ai consumi
  • Pagamento con domiciliazione su conto corrente
  • Bolletta web

010 848 0198

Richiamata gratuita

offerta energrid
Sicura Home
  • Prezzo luce del tutelato e gas bloccato per 2 anni
  • Pagamento con domiciliazione o con bollettino postale
  • Fattura via email o cartacea tramite posta, senza costi aggiuntivi

010 848 0161

Richiamata gratuita

offerta iren
10x3 luce e gas
  • Prezzo bloccato per 2 anni
  • 30 € di bonus in bolletta
  • Pagamento con domiciliazione su conto corrente o con bollettino postale
  • Bolletta web o tramite posta

011 1962 1444

Richiamata gratuita

Quanto costa la riattivazione del contatore di luce e gas?

Per la riattivazione di un'utenza che è stata cessata è sempre previsto un costo. Il prezzo dipende dal fornitore con il quale sottoscrivi il nuovo contratto, che comunque dovrà versare al distributore locale gli oneri amministrativi. Nel mercato tutelato la spesa è definita dall'Autorità, mentre nel mercato libero ogni fornitore stabilisce gli oneri di gestione da applicare. Di solito se il cliente sceglie il pagamento della bolletta con il classico bollettino postale, il fornitore richiede un deposito cauzionale, che verrà restituito al cliente quando il contratto viene disdetto.

Costo dell'attivazione di un contatore luce e gas
Mercato Oneri
Servizio di Maggior Tutela
  • 26,13 € per oneri amministrativi
  • 23 € per oneri di gestione
  • 16 € imposta di bollo
  • eventuale deposito cauzionale
Mercato libero
  • 26,13 € per oneri amministrativi
  • oneri di gestione stabiliti dal gestore nel contratto, da 15 fino a 50 €
  • eventuale deposito cauzionale

Che dati servono per attivare il contatore luce e gas?

Per stipulare un nuovo contratto di subentro servono i dati del nuovo intestatario e dell'utenza. Il contratto luce o gas può essere intestato al proprietario della casa, a un suo parente o amico in comodato d'uso, come un coniuge o un figlio, oppure all'inquilino in affitto. Alcuni gestori richiedono una dichiarazione dell'avente titolo a sottoscrivere il subentro, come la copia del contratto di affitto regolarmente registrato, mentre con altre società è sufficiente indicare che il cliente è in affitto.
Ecco le informazioni necessarie per attivare l'utenza luce o gas:

  1. I dati anagrafici del nuovo intestatario;
  2. L’indirizzo dell’utenza;
  3. Il numero identificativo delle utenze, ossia il POD per la luce e il PDR del gas, in alcuni casi basta anche il numero cliente dal display del contatore della luce e la matricola del contatore del gas metano;
  4. Il codice IBAN del conto corrente, se preferisci la domiciliazione bancaria;
  5. Un indirizzo email, per la trasmissione del contratto e la bolletta digitale via email;
  6. Un documento di identità valido.

I tempi per attivare un contatore di luce e gas

Una volta che il fornitore riceve la richiesta per l'attivazione completa, la deve trasmettere al distributore locale entro 2 giorni. Il distributore locale è la società che gestisce la parte tecnica e fisicamente riattiva il contatore di luce e gas. Il contatore dell'energia elettrica è elettronico e viene riattivato a distanza con un comando dalla centralina. Il distributore ha l'obbligo di riattivare l'utenza della luce in 5 giorni lavorativi, e quella del gas in 10 giorni. Per il metano serve qualche giorno in più perché spesso è indispensabile il passaggio del tecnico a casa.
Quindi per le tempistiche di riattivazione è necessaria una distinzione tra energia elettrica e gas:

  • per il subentro luce: massimo 7 giorni lavorativi;
  • per il subentro gas: massimo 12 giorni lavorativi.

Come riattivare il contatore luce o gas chiuso per morosità?

Quando salta il pagamento di una bolletta, il fornitore ha la possibilità di staccare la fornitura, previa comunicazione di sollecito al cliente. In questi casi l'utenza non viene propriamente cessata ma solamente "sospesa". Quando un contatore di luce e gas viene sospeso per mancato pagamento, la riattivazione può essere chiesta solo al gestore che ha staccato l'utenza, richiedendo una voltura. Questo purtroppo è valido anche quando il nuovo inquilino non ha nulla a che fare con il precedente intestatario moroso. Se non si tratta di un parente stretto, il nuovo intestatario non è in alcun modo tenuto a pagare il debito pregresso del precedente inquilino moroso.
In questi casi un'altra possibilità del nuovo proprietario è fare una cessazione del contratto del vecchio inquilino. Con la cessazione l'utenza viene chiusa definitivamente dal vecchio fornitore e solo a quel punto è possibile fare un subentro con un qualsiasi altro gestore.

Come sapere il nome del vecchio fornitore?

Se l'utenza è stata sospesa per mancato pagamento e il precedente intestatario risulta irreperibile è indispensabile capire con quale gestore era attivo il contratto. Nel caso in cui non sia possibile recuperare una vecchia bolletta per sapere il nome del gestore abbiamo due possibilità:

  1. inviare una richiesta online allo Sportello del Consumatore;
  2. contattare il distributore locale.

Sul portale dello Sportello, gestito dall'Autorità per l'energia, possiamo inoltrare la domanda online, oppure via email o tramite posta. Nella richiesta dovremmo indicare il codice dell'utenza, ossia il POD della luce o il PDR del gas e riceveremo una risposta entro 10 giorni. Se non conosci il codice POD o PDR è necessario contattare il distributore locale, la società che gestisce i contatori.
Il distributore locale cambia in base al proprio comune ed è diverso per luce e gas. Molti distributori non hanno un numero verde dedicato ai clienti finali per il servizio, sarà quindi necessario inviare una richiesta scritta con tutti i dati a propria disposizione. 

Aggiornato in data