Cosa si intende per clienti domestici non vulnerabili?

Aggiornato in data
min di lettura
Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi 24 Aprile 2024?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi 24 Aprile 2024?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte luce e gas o scegli quando essere ricontattato.

Fine mercato tutelato per i clienti non vulnerabili: quali scenari si aprono?
Fine mercato tutelato per i clienti non vulnerabili: quali scenari si aprono?

A partire dal 1° luglio 2024 per la fornitura elettrica, 1° gennaio 2024 per il gas, avverrà il definitivo passaggio dal regime di maggior tutela al mercato libero: per i clienti domestici "non vulnerabili", la fine del servizio tutelato avrà effetti immediati. Ma come viene individuata questa categoria di utenti e in che modo si svolgerà per loro la fine del mercato tutelato?

Fine maggior tutela per i clienti non vulnerabili

Come ormai noto, ad luglio 2024 per l'energia elettrica, gennaio 2024 per il gas, il mercato di maggior tutela si avvia definitivamente a chiusura: questo passo riguarderà in primo luogo i clienti domestici definiti “non vulnerabili”. Ma come viene identificata questa categoria di utenti? Quali sono gli effetti determinati dall'appartenere a questa classe di consumatori? Per capirlo, è bene prima approfondire come la normativa vigente identifica le categorie vulnerabili. 

“Cliente vulnerabile” è una definizione introdotta con il decreto legislativo 210/21 con lo scopo di individuare una tipologia di cliente domestico svantaggiato per condizioni anagrafiche, economiche o di salute.

  • Ai sensi del decreto legislativo 210/21, viene definito "cliente vulnerabile":
  • chi ha un'età superiore ai 75 anni;
  • chi si trova in condizioni economicamente svantaggiate (ad esempio è percettore di bonus energia;
  • chi versa in gravi condizioni di salute che richiedono l'utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche; salvavita alimentate dall'energia elettrica o i soggetti presso i quali sono presenti persone che versano in tali condizioni.
  • chi è un soggetto con disabilità ai sensi della legge 104/92;
  • chi si trova in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi;
  • chi si trova in un'isola minore non interconnessa.

Si tratta, in buona sostanza, di quei consumatori che in forza di una fragilità rispetto alla capacità di approvvigionarsi sul mercato, sono destinatari di particolari condizioni di fornitura, in particolare di prezzo.

Rispetti i criteri di vulnerabilità ma non sei identificato come cliente vulnerabile? Può capitare che un cliente domestico servito dal mercato tutelato si trovi in una situazione di vulnerabilità ma non sia stato identificato come tale. In questo caso, dovrà comunicarlo al proprio venditore compilando il modulo che riceverà dal proprio esercente in due comunicazioni tra settembre 2023 e marzo 2024, così da continuare a essere servito nel servizio di maggior tutela.

Tutti gli altri clienti domestici sono considerati, dunque, non vulnerabili e la scadenza luglio 2024 (luce) e gennaio 2024 (gas) riguarda proprio loro.

Clienti non vulnerabili: e ora che succede?

Con la fine del mercato tutelato, le possibilità per i clienti domestici non vulnerabili sono due:

  1. scegliere un’offerta vantaggiosa e passare al mercato libero
  2. passare automaticamente al Servizio a tutele graduali

Il Servizio a tutele graduali è il servizio predisposto da ARERA - Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente -per garantire la continuità della fornitura ai clienti che non avranno un fornitore dal mercato libero al momento della rimozione del servizio di maggior tutela.

Il passaggio al Servizio a tutele graduali avverrà a partire dal 1 luglio 2024 per la fornitura elettrica e 1 gennaio 2024 per il gas se nel frattempo i clienti domestici non vulnerabili non avranno ancora scelto un fornitore nel mercato libero.

Ai clienti non vulnerabili che passeranno al Servizio a Tutele Graduali verrà applicato un prezzo unico in tutto il Paese, con un sistema di perequazione per i venditori e verranno applicate condizioni contrattuali simili a quelle delle offerte PLACET. Il Servizio a Tutele Graduali avrà una durata limitata a 3 anni.

PMI e microimprese nel mercato libero Mentre i clienti domestici non vulnerabili si preparano alla fine del mercato tutelato, le microimprese e le PMI sono già state coinvolte nel passaggio: le prime ad aprile 2023 e le seconde già a partire da gennaio 2021.

Mercato tutelato e clienti vulnerabili

Abbiamo visto cosa accadrà ai clienti non vulnerabili, ma qual è l’iter per i clienti definiti vulnerabili dalla normativa?

I clienti vulnerabili rimarranno transitoriamente riforniti nell'ambito dell'attuale servizio di maggior tutela, rinviando a successivo provvedimento dell'Autorità gli interventi funzionali alla sua rimozione per questa categoria.

Verso il mercato libero

A ogni modo, sia i clienti vulnerabili che non vulnerabili possono scegliere in qualunque momento di passare a un nuovo contratto di fornitura di energia elettrica nel mercato libero.

Come ricorda l’informativa di ARERA sulle condizioni di fornitura di energia elettrica per i clienti domestici vulnerabili, cambiare contratto di fornitura non prevede la sostituzione del contatore né interruzioni di fornitura dell’energia elettrica. Sarà necessario conoscere il proprio consumo annuo (in kWh), la propria spesa annua e la potenza impegnata del contatore: tutte informazioni che si trovano direttamente in bolletta.

Clienti nel mercato tutelato Nonostante il mercato tutelato sia ormai agli sgoccioli, secondo la presentazione di Stefano Besseghini - presidente ARERA - alla Relazione Annuale sullo Stato dei servizi e sull’Attività svolta, circa il 30% dei consumatori domestici elettrici, per un totale di circa 9 milioni di clienti, sono ancora serviti dal servizio di tutela.

Scegliere direttamente un'offerta del mercato libero può essere conveniente: l’elevata concorrenza che caratterizza il regime libero può contribuire a incrementare il numero di offerte a prezzi vantaggiosi tra cui l’utente ha la possibilità di scegliere. Inoltre, optare per un'offerta del mercato libero, significa anche avere l'opportunità di rintracciare una tariffa e un servizio che possa corrispondere meglio anche alle esigenze specifiche del cliente.

Dopo il Servizio a tutele graduali

Come abbiamo detto, è bene ricordare che il Servizio a tutele graduali si configura come provvisorio.

La suddivisione dei consumatori tra servizi di tutele graduali, con caratteristiche affini ma non identiche, che avremo in esito alle procedure concorsuali, dovrà rapidamente evolvere verso una configurazione stabile, omogenea ed in grado di riportare rapidamente l’attenzione sulle tutele non di prezzo, che dovranno prioritariamente caratterizzare un mercato completamente liberalizzato.

Stefano Besseghini - presidente ARERAPresentazione alla Relazione Annuale sullo Stato dei servizi e sull’Attività svolta 11 luglio 2023

Le ultime News dal mondo Luce e Gas