Cos'è la Rete Mesh Wifi: Come Funziona, Pro e Contro

Offerte Internet casaRisparmia Internet con Selectra

Fibra fino a 1 Giga a 29,95 € PER SEMPRE con Modem Incluso

Lascia il tuo numero per essere richiamato gratis oppure vai al sito!

rete mesh
Cos'è e come funziona la rete mesh wifi

Sempre più spesso si sente parlare di reti mesh. Ma cos’è una rete mesh, come funziona e come può aiutare ad aumentare la copertura wifi di casa o ufficio? Lo scopriamo nella guida di oggi!


  • In sintesi
  • Con i dispositivi che supportano le reti mesh puoi migliorare la copertura della tua rete WiFi.
  • Le reti Mesh aiutano a diffondere meglio il segnale wireless all'interno dell'abitazione, anche se si sviluppa su più livelli.
  • La connessione di casa è lenta? Verifica la copertura e valuta offerte più economiche. Chiama senza impegno lo 06.948.080.95 per parlare con un operatore o utilizza il servizio di richiamata gratuita!

Cos’è una Rete Mesh?

Una rete mesh, in italiano “rete a maglie”, è un tipo di connettività che basa il proprio funzionamento sulla distribuzione delle risorse di connettività a vari punti (nodi), invece che sul loro accentramento in un unico punto di accesso.

Mesh Network

Facciamo un esempio pratico.

Consideriamo un appartamento di dimensioni medio-grandi sviluppato su più livelli. In un a situazione del genere la copertura della rete Wifi domestica non è omogenea in tutta la casa. 

Man mano che ci si allontana dal modem il segnale wireless perde di potenza. Di conseguenza, se si è connessi alla rete wifi con un PC o un cellulare, la connessione può risultare lenta o assente. Ciò è dovuto alla notevole distanza dal modem - router wifi o dall'amplificatore wifi se se ne possiede uno. In più, bisogna considerare che la presenza di specchi, campi elettrici ed elettromagnetici, muri portanti e tramezzi contribuiscono a limitare il segnale wireless da una stanza all'altra o da un piano all'altro. 

In una situazione del genere, sia che si utilizzi un dispositivo unico (il modem router wifi fornito dal gestore), sia che si abbia anche in funzione un amplificatore wifi per estendere il segnale wireless, il punto di accesso alla rete non cambia: è il segnale wireless, con tutti i suoi limiti, che viene esteso nelle zone della casa non coperte.

È pur vero che esistono in commercio le powerline, ovvero degli adattatori da collegare alla presa elettrica e dotati di presa Ethernet Rj-45, che aiutano a estendere il segnale internet all'interno di un'abitazione sfruttando l'energia elettrica e creando nuovi punti d'accesso. Usandole, l’unico obbligo che si ha è quello di collegarle alle prese del medesimo impianto elettrico, pena il non funzionamento della connessione.

Se scegliessi il sistema powerline per migliorare la connessione internet, avresti quindi due alternative:

  1. Sistema cablato formato da almeno 2 powerline: la prima deve essere inserita in una presa elettrica vicino al modem principale al quale deve essere collegata tramite cavo Ethernet. Il secondo dispositivo, installato in qualsiasi presa di casa, riceve il segnale sfruttando i cavi dell'impianto elettrico. Il PC che necessita del collegamento a internet deve essere collegato, infine, alla seconda powerline tramite un altro cavo Ethernet.
  2. Sistema intermodale cablato + Wifi: è simile al primo caso con la differenza che il secondo dispositivo può diffondere il segnale via Wi-Fi dando la possibilità a più dispositivi di connettersi a internet.

Tutto sommato il funzionamento di reti mesh e powerline è molto simile. Ma allora qual è la differenza? 

La powerline ha il proprio SSID, diverso dalla rete principale di casa. Usandola dovresti quindi switchare manualmente di volta in volta la connessione del tuo dispositivo alla rete con segnale più forte. Se in casa o ufficio hai il modem wifi principale e altre 2 powerline wi-fi, avresti quindi 3 reti Wi-fi. A quel punto, se cambiassi area, dovresti verificare di essere connesso alla rete con segnale più potente in quel determinato punto.

Un sistema mesh, invece, si appoggia al modem principale e comunica ai suoi "satelliti" le informazioni di accesso alla rete Wi-Fi così da garantire una copertura senza interruzioni. L'utente si sposta dentro casa o dentro l'ufficio, passando da un ambiente all'altro e, di volta in volta, il dispositivo aggancerebbe il nodo migliore senza disconnessioni e senza accorgersi di "salti di rete" o rallentamenti, dal momento che la SSID resta unica.

Rete Wifi Mesh: Pro e Contro

Il punto di forza delle reti mesh rispetto alle soluzioni con amplificatore Wifi sta nel fatto che le prime consentono di creare un vero e proprio network senza fili dove ciascun nodo della rete costituisce un'integrazione della rete principale, consentendo la navigazione tra più nodi in parallelo.

Poniamo di avere un modem e 3 nodi sparsi per la casa a diffondere il segnale. Nel caso in cui uno dei 3 nodi dovesse perdere il segnale per un problema software o hardware, gli altri due nodi cercherebbero percorsi alternativi per instradare il segnale proveniente dal modem. In conclusione, una rete mesh permette di abbattere gli svantaggi delle reti Wifi che noi tutti già conosciamo. Una rete mesh è un vero e proprio ecosistema ottimizzato per estendere la copertura del segnale wifi e, in caso di malfunzionamento di un dispositivo, la rete "ricuce" le maglie fornendo ai dispositivi collegati un appoggio alternativo grazie ai nodi restanti.

In fin dei conti, in una rete mesh non c'è una gerarchia di ruoli rigida e definita: ogni router che compone la rete mesh agisce sia come client, sia come server.

Ma quali sono gli svantaggi della tecnologia Mesh Wifi? I prodotti Mesh Wi-Fi hanno anche dei lati negativi che bisogna considerare. Ecco i punti principali:

  • Costi: ogni router che funge da nodo aggiuntivo ha un prezzo sicuramente superiore rispetto alla soluzione modem/router e amplificatore wifi;
  • Configurazione manuale: in alcuni casi bisogna essere dei geek perché le reti mesh vanno configurate manualmente.

Nella maggior parte delle situazioni, però, i pro superano di gran lunga questi lati negativi. Inoltre, i produttori stanno migliorando i loro hardware per renderli integrati e plug&play, di facile installazione per ogni tipo di utente.

Come e Perché è Nata la Tecnologia Mesh?

Reti Mesh Wifi

Come molte altre tecnologie, all'inizio le reti mesh Wi-Fi sono nate in campo militare per fornire alle forze che operano su aree geografiche impervie e remote una tipologia di comunicazione che supportasse le trasmissioni attraverso nodi paralleli diversi.

Venendo ad applicazioni per usi civili, anche i contatori elettronici delle forniture di luce e gas, attraverso una rete mesh ad hoc, monitorano la rete e inviano alle aziende di distribuzione dati utili in merito alle letture dei consumi, alla resa e all'efficientamento energetico della rete stessa.

Adesso, con il loro sviluppo per usi più comuni, possiamo utilizzare la tecnologia mesh anche nelle nostre case per la rete domestica senza fili, grazie a modem/router e a nodi mesh acquistabili ovunque, online e in negozi fisici. Ne sono un esempio il range extender mesh Fritz 2400 o il nuovo Fritz! Mesh Set di AVM.

Nel caso in cui, però, la qualità della connessione fosse scadente con il solo modem wi-fi o continuasse ad avere frequenti rallentamenti anche via cavo, il problema potrebbe essere la qualità della connessione stessa. Avere la fibra ottica, in casi come questi, aiuta a risolvere il problema. Puoi verificare gratuitamente la copertura per la fibra ottica nella tua zona con ogni operatore internet allo 06.948.080.95 o usando il servizio di richiamata gratuita.

Aggiornato in data

Ti potrebbe interessare anche