Guida alla Caldaia: Tipologie, Funzionamento e Prezzi

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Confronta e risparmia 150€ su Luce e Gas, è Gratis!

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte luce e gas o scegli quando essere ricontattato.

La caldaia è uno degli elettrodomestici indispensabili all'interno della nostra casa, che viene spesso sottovalutato ma è estremamente utilizzato sia d'inverno che d'estate. L'utilizzo principale è quello della produzione di acqua calda sanitaria.


  • In Breve:
  • Cambiare la caldaia è un'operazione che richiede molta attenzione, soprattutto è importante valutare quale sia quella più adatta alle proprie esigenze.
  • Esistono infatti molte tipologie e modelli di prodotto, ma quelle diffuse sono quelle a Gas;
  • I modelli più evoluti sono quelli a condensazione, poiché garantiscono una migliore efficienza energetica; 

Analizziamo insieme le caratteristiche delle diverse tipologie di caldaia presenti presenti sul mercato, per valutare quale sia la più adatta ai propri bisogni.

Bisogna comunque sempre tenere a mente che la scelta della caldaia non è l'unico fattore che può incidere sulla bolletta del gas, poiché questa dipende da molti fattori, come ad esempio il costo della materia prima, il costo di trasporto e il costo di stoccaggio.

In ogni caso per avere sempre la massima convenienza il consiglio è quello di confrontare le offerte migliori presenti sul mercato. Puoi chiamare il numero 02.947.553.39 oppure utilizzare il servizio di richiamata gratuita per parlare con un operatore specializzato (servizio di richiamata gratuito).

Come scegliere la caldaia adatta

Quando si cambia una caldaia è importante districarsi tra le varie possibilità offerte dal mercato, e scegliere quella più aderente alle proprie esigenze. Per fare questa operazione la prima cosa da fare è chiarire bene quali siano effettivamente queste esigenze di utilizzo, ed in base a queste considerazioni orientarsi verso una tipologia piuttosto che un'altra.

Per non sbagliare in questa fase preliminare consigliamo di porsi 5 semplici domande che potranno chiarire le esigenze e creare un vero e proprio identikit della caldaia migliore da acquistare:

  1. A cosa servirà la caldaia? Cioè stabilire se dovrà occuparsi solo del riscaldamento, della produzione di acqua calda sanitaria o di entrambe;
  2. Quanto sarà utilizzata? Valutare quanto tempo si trascorre effettivamente tra le mura domestiche o dove abbiamo deciso di installare una nuova caldaia;
  3. Dove si installerà la caldaia? Decidere alcune zone plausibili dove si potrà installare la caldaia, sia in termini di spazio che in base alle normative per l'espulsione dei fumi di combustione;
  4. Quanto è ampio lo spazio da servire? Quindi annotare quanto grande è l'impianto che dovrà gestire la nuova caldaia, e anche quanti servizi sono presenti negli spazi oggetto della nuova installazione;
  5. Qual è lo storico dei consumi? In base ai consumi passati si potrà valutare correttamente quanto sarà necessario avere un occhio di riguardo sull'efficienza della nuova caldaia dell'impianto in generale. 

Chiariti questi concetti basterà informarsi sulle caratteristiche delle varie tipologie di caldaie per non sbagliare acquisto. Come vedremo a breve esistono infatti diversi modelli, ognuno con vantaggi e svantaggi specifici e prezzi differenti.

Caldaia a Gas: vantaggi, svantaggi, prezzi e installazione

Il tipo di caldaia attualmente più comune in Italia e quella a Gas. Sono ormai diversi anni che questo modello ha soppiantato i vecchi impianti alimentati a gasolio o olio combustibile, e con il passare del tempo anche la tecnologia supportata e l'efficienza energetica sono notevolmente migliorate.

Se parliamo di caldaie a gas possiamo distinguere due tipi di combustibile principali con cui queste vengono alimentate. Di conseguenza possiamo avere:

  • Caldaie a gas metano: sono le più diffuse ed economiche e sfruttano il metano, pertanto il gas con la diffusione più capillare. La loro installazione è relativamente semplice, in quanto non sarà necessario avere cisterne di stoccaggio per il combustibile. Possono essere di dimensioni anche molto contenute e con efficienza medio alta in base alla modernità del modello.
  • Caldaie a GPL: meno diffuse di quelle a metano a causa della loro alimentazione. Sono spesso caldaie che richiedono uno spazio maggiore per una corretta installazione, oltre a necessitare di una bombola per lo stoccaggio del gas GPL. Questa tipologia è utilizzata sopratutto per gli impianti di grandi dimensioni come quelli del riscaldamento centralizzato condominiale.

Oltre all'alimentazione le caldaie a gas differiscono anche in base ad altre caratteristiche che riguardano il loro funzionamento e la loro installazione. Distinguiamo quindi:

  • Caldaie murali e a basamento;
  • Caldaie a camera stagna e aperta;

Queste distinzione verrà approfondita dettagliatamente nei paragrafi seguenti.

Caldaie a gas: murali e a basamento

caldaia murale
Caldaia murale di piccole dimensioni installata in una cucina

La caldaia a gas si può trovare sia in versione murale che a basamento. La differenza è facilmente intuibile e riguarda principalmente le dimensioni e il peso del prodotto che si andrà ad installare.

  • Le caldaie murali sono di dimensioni più piccole e quindi più leggere e possono essere installate fissandole al muro, sia internamente che esternamente. Questo permette di posizionare la caldaia in una nicchia apposita a scomparsa e rendere tutto l'impianto più discreto anche da un punto di vista estetico. 
  • Le caldaie a basamento sono invece più pesanti, e quindi la loro installazione avviene poggiandole al pavimento. Le dimensioni sono ovviamente maggiori, pertanto questo tipo di caldaie sono più indicate per impianti grandi, che devono servire ampie metrature. Spesso sono utilizzate per necessità di tipo industriale e produttivo, o per gli impianti centralizzati condominiali.

Al variare della potenza e delle dimensioni si avrà di pari passo anche un cambiamento dei prezzi, sia d'acquisto che d'installazione.

Caldaie a gas: camera stagna e camera aperta

differenza caldaia camera stagna e camera aperta
Uno schema che spiega la differenza tra camera stagna e camera aperta

Altra differenza riscontrabile tra le varie tipologie di caldaia a gas riguarda il funzionamento tecnico, quindi la combustione che può avvenire a camera stagna o a camera aperta, in base alle modalità di tiraggio e di prelievo dell'aria comburente, cioè quella necessaria per consentire la combustione che produce il riscaldamento.

  • Nelle caldaie a camera stagna il tiraggio è forzato, quindi con un sistema di tubi doppio dove in uno si preleva l'aria dall'esterno per convogliarla nella caldaia, e nell'altro si espelle il fumo creato a seguito della combustione. Questo metodo consente di installare le caldaie a camera stagna anche in ambienti piccoli e si dimostrano ottime per servire impianti di piccole dimensioni.
  • Le caldaie a camera aperta prelevano invece l'aria comburente direttamente dall'ambiente in cui sono sono installate. Questo tiraggio naturale consente di avere il solo tubo per l'espulsione dei fumi senza necessità di installare quello per l'aspirazione. Questo sistema richiede ambienti più ampi e ben ventilati, ed infatti questa tipologia non è installabile in spazi solitamente angusti, come le cucine e i bagni, per motivi di sicurezza. 

Per via della loro flessibilità d'utilizzo le caldaie a camera stagna erano, fino a poco tempo fa, le più ricercate sul mercato. Ora hanno subito un'evoluzione e non vengono più prodotte, sostituite dalle caldaie a condensazione di cui parleremo tra poco.

Prezzi, installazione e durata delle caldaie a gas

In base alla conformazione dell'ambiente in cui andranno installate e alle necessità di servizio si potranno trovare caldaie di prezzi diversi. Come facilmente intuibile prodotti più potenti avranno costi maggiori, che si rifletteranno anche sul prezzo della manodopera per l'installazione. 

Il range di prezzo per l'acquisto in cui si trovano le migliori caldaie a gas varia mediamente tra i 500 € per quelle più piccole fino ai 1100 € per i modelli più grandi. Anche l'installazione e la manutenzione annuale hanno costi che variano anche a seconda della tipologia e del modello scelto. Si parte dai 230 € circa per l'installazione con 45 € di manutenzione annuale, fino ai 300 € e oltre con una manutenzione che si attesta sui 60 €.

Esempi di prezzi di una caldaia a gas 
TIPOLOGIA SERVIZIO PREZZO MINIMO PREZZO MASSIMO
Acquisto Caldaia 500 € 1100 €
Costo installazione 230 € 300 €
Manutenzione annuale 45 € 65 €
Prezzo indicativo al netto di iva su caldaia a gas a camera aperta da 24 kW

Per quello che riguarda il ciclo di vita medio di una caldaia, negli ultimi modelli possiamo dire che si arriva tranquillamente sui 15 anni di utilizzo continuato, ma anche questo fattore è fortemente influenzato dalle specifiche esigenze di utilizzo, e dalla grandezza dell'impianto da servire.

Caldaia a condensazione: come funziona, prezzi e installazione

caldaia a condensazione
Uno schema che spiega il funzionamento di una caldaia a condensazione

Come accennato in precedenza, nel panorama delle caldaie a gas quelle funzionanti a camera stagna sono state sostituite da una nuova tipologia: le caldaie a condensazione.

Questi modelli hanno il vantaggio rispetto alle precedenti di godere di un maggiore rendimento con picchi che possono superare il 100%. Il motivo di questa maggiore efficienza è da ricercare nel principio di funzionamento. Rispetto ad una caldaia a camera stagna, quella a condensazione riesce a valorizzare anche l'energia contenuta nei fumi di scarico prodotti dalla combustione: in pratica potendo riutilizzare il calore latente contenuto nel vapore dei fumi tramite l'ausilio di un condensatore, questo tipo di caldaia riesce a sfruttare al massimo il potere calorifero del combustibile e quindi per raggiungere la temperatura desiderata il tempo impiegato sarà minore, portando un vantaggio in termini di consumo.

Bonus caldaia 2020 Grazie alle loro alte prestazioni in termini di efficienza energetica le caldaie a condensazione sono diventate le più scelte anche perché danno diritto a detrazioni che vanno dal 50% al 65% in caso di installazione di una caldaia a condensazione di classe A.

I prezzi delle caldaie a condensazione

In termini di prezzo le caldaie a condensazione sono leggermente più costose rispetto alle concorrenti, per via della presenza del condensatore al proprio interno. Il loro costo più elevato per l'acquisto della macchina vera e propria è però facilmente ammortizzabile sia grazie alle detrazioni previste nel Bonus Caldaia, sia dal risparmio nella bolletta del gas dovuto alla migliore efficienza energetica.

Abbatti la bolletta del Gas! Per tagliare definitivamente la bolletta del Gas è indispensabile confrontare le tariffe presenti sul mercato. Puoi chiamare lo 02.947.553.39 oppure sfruttare il servizio di richiamata gratuita.

Mediamente il prezzo di una caldaia a condensazione oscilla tra 1200 € e 1500 € mentre per installazione e manutenzione i costi rimango in linea con quelli delle altre caldaie a gas.

Esempi di prezzi di una caldaia a condensazione
TIPOLOGIA SERVIZIO PREZZO MINIMO PREZZO MASSIMO
Acquisto Caldaia 1200 € 1500 €
Costo installazione 230 € 300 €
Manutenzione annuale 45 € 65 €
Prezzo indicativo al netto di iva su caldaia a condensazione da 24 kW

La durata della caldaia anche in questo caso è di circa 15 anni se calcolata su di un utilizzo standard per impianti di dimensioni medie, con tutte le manutenzioni effettuate periodicamente e regolarmente.

Caldaie a biomassa: l'esempio delle stufe a pellet

Tra le caldaie di nuova generazione hanno trovato un buon riscontro di pubblico le cosiddette caldaie a biomassa, il cui rappresentante più comune è la stufa a pellet. Questo tipo di caldaie non sono ancora però la soluzione più cercata ed adottata quando si decide di cambiare il sistema di combustione per l'impianto di riscaldamento. 

Anche se il loro combustibile ha l'innegabile vantaggio di essere più facile da reperire e maggiormente economico rispetto al gas metano o al GPL, questo tipo di prodotti servono a coprire delle esigenze molto specifiche. 

Il funzionamento di una stufa a pellet prevede il riscaldamento dell'aria come principio di base, pertanto con questo tipo di caldaia si potrà riscaldare una stanza in maniera piuttosto agevole e molto efficiente dal punto di vista energetico (infatti anche le stufe rientrano nel Bonus Caldaie 2020). Se si deve coprire un'intera casa però sarà necessario dotarsi di un impianto di canalizzazione apposito per il passaggio dell'aria calda e questo comporta costi d'installazione piuttosto alti. 

Inoltre non funzionando secondo il principio del riscaldamento termico tramite conduttore liquido, questo tipo di caldaia non fornisce l'acqua calda sanitaria, e per avere questo servizio si dovrà installare una termostufa a biomassa, molto più ingombrante e costosa di una di quelle tradizionali a pellet.

In definitiva una stufa a pellet può essere utile per riscaldare singole stanze o case molto piccole, ma utilizzata come prodotto per l'impianto di riscaldamento domestico a 360° mostra alcuni limiti strutturali dati dal suo principio di funzionamento.