Qual è il Prezzo Energia Elettrica nel Mercato Tutelato? | Settembre 2023

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi 29 Settembre 2023?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi 29 Settembre 2023?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte luce e gas o scegli quando essere ricontattato.

Qual è il prezzo dell’energia elettrica nel mercato tutelato? Tutte le info.
Qual è il prezzo dell’energia elettrica nel mercato tutelato? Tutte le info.

Il prezzo energia elettrica nel mercato tutelato è definito dall’ARERA, che impone la composizione di costo e le condizioni contrattuali a tutti i fornitori in Regime di Maggior Tutela. Questo indice è anche un riferimento per comprendere l’andamento dei prezzi all’ingrosso e dei costi luce.


Prezzo energia elettrica mercato tutelato: a quanto ammonta?

Prezzo energia elettrica mercato tutelato: a quanto ammonta?Oggi nel mercato tutelato, terzo trimestre 2023, luglio-settembre, il costo della materia prima energia elettrica è uguale a 0,071 €/kWh per la tariffa monoraria.

Nel mercato tutelato, come anticipato, è l'ARERA (o Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) a definire il prezzo luce al kWh. In passato l'Autorità aggiornava trimestralmente questo valore.

Il costo della luce tuttavia può cambiare nel caso si opti per una tariffa monoraria o bioraria. La prima è caratterizzata da un prezzo fisso a prescindere dall'orario e dal giorno di consumo. Invece la tariffa bioraria prevede costi differenti a seconda delle fasce orarie in cui il cliente consuma, ad esempio solitamente l'energia elettrica costa meno la sera e la notte durante la settimana e nel weekend.

Prezzo Energia Elettrica Mercato Tutelato: Settembre 2023
Fascia Oraria Prezzo Energia
F0 0,071 €/kWh
F1 0,073 €/kWh
F2 e F3 0,070 €/kWh

Andamento prezzo energia elettrica: il 2023

Analizzando l’andamento del costo della luce nel 2023 si nota un abbassamento dei costi all’ingrosso, soprattutto in confronto con i prezzi del 2022.

Per analizzare più nel dettaglio i costi all'ingrosso è necessario considerare il PUN, cioè il prezzo dell'energia elettrica di riferimento in Italia. In questo grafico è possibile considerare questo indice di riferimento, che è notevolmente più basso rispetto ai costi del 2022.

Fonte: dati del Gestore dei Mercati Energetici (GME).

Considerare questo fattore è importante in quanto influisce sul mercato dell'energia elettrica in Italia, sia nel tutelato che nel libero. Questo prezzo di riferimento, stabilito ogni ora dalla borsa dell'energia elettrica, è influenzato da diversi fattori che ne determinano la sua variazione.

Quando la domanda aumenta, il prezzo dell'energia sul mercato all'ingrosso tende ad aumentare, e viceversa. Inoltre, il costo di produzione delle centrali elettriche può influire sul prezzo dell'energia elettrica. Se il costo di produzione aumenta, ciò si riflette sul prezzo del PUN.

Inoltre, il prezzo all'ingrosso degli altri mercati europei può influire sull'indice PUN. Se il prezzo del mercato europeo dell'energia elettrica è alto, il prezzo dell'energia elettrica in Italia aumenta.

Ricorda che il mercato tutelato scade a breve! La fine del mercato tutelato è prevista a aprile 2024, dando fine al processo di liberalizzazione del settore dell'energia iniziato negli anni '90. Da questo termine quindi il passaggio al mercato libero diventa obbligatorio anche per tutte le utenze domestiche.

Dalla liberalizzazione del mercato energetico, luglio 2007, il prezzo dell'energia elettrica nel Sistema di Maggior Tutela viene regolamento e aggiornato trimestralmente dall'ARERA.

  • 1-2008 (gennaio - marzo 2008)
  • 1-2009 (gennaio - marzo 2009)
  • 1-2010 (gennaio - marzo 2010)
  • 1-2011 (gennaio - marzo 2011)
  • 1-2012 (gennaio - marzo 2012)

Inserisci l'anno o il trimestre per scoprire i prezzi in €/kWh del mercato tutelato.

Caricamento

Prezzo energia elettrica mercato libero vs tutelato

Il prezzo dell’energia elettrica nel mercato tutelato è definito dall’ARERA. Invece nel mercato libero il costo della luce viene definito dai fornitori, in modo da aumentare la concorrenza e competitività del settore.

Quindi nel mercato libero è il cliente finale che può scegliere tra un’ampia scelta di offerte luce o gas, così da confrontare le compagnie energetiche e scegliere l’opzione più adatta alle proprie abitudini di consumo o necessità. Ecco le top 3 del momento, con un prezzo luce conveniente.

Offerte Luce: la classifica delle tariffe più convenienti
POSIZIONE NOME OFFERTA PREZZO (€/kWh) e Spesa Mensile*
Primo PostoPrimo posto
Logo Sorgenia

Sorgenia Next Sunlight

LUCE: 48,9€/mese
PUN + 0,03 €/kWh

Attiva ora (Sconto 20€)02 947 587 71

Secondo Posto

Secondo Posto

Logo Nen

NeN Energia Luce

LUCE: 52,5€/mese
0,19 €/kWh fino al 07/09/23

Attiva ora (Sconto 48€)Attiva ora (Sconto 48€)

Terzo Posto

Terzo Posto

Logo Eni

Eni Plenitude Trend Casa Luce

LUCE: 56,4€/mese
PUN + 0,026 €/kWh

Attiva Online (Sconto 12€)06 948 080 40

*La spesa mensile è calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Curiosità sul podio delle offerteNen ti regala un bonus di 96€, con Eni Plenitude hai uno sconto di 12€ se scegli la domiciliazione bancaria e un'ulteriore sconto di 60€ fino al 29/09/23, mentre con Sorgenia lo sconto è di 40€ per luce e gas + 140€ se attivi anche la fibra. Sorgenia erogherà lo sconto solo se il cliente sottoscrive almeno un contratto luce + gas o luce + fibra, luce + gas + fibra. Con l'attivazione di una sola utenza non è previsto lo sconto.

Se sei interessato a una di queste 3 offerte top del momento e vuoi ricevere maggiori informazioni chiama il numero 02 947 553 39.

Come viene calcolato il prezzo energia mercato tutelato?

Per arrivare all'utente finale, l'energia elettrica deve attraversare tre passaggi: generazione, trasporto e distribuzione ai consumatori finali. Nel servizio di maggior tutela, tutti i costi relativi a questi passaggi sono definiti dall'ARERA

L'ARERA prende in considerazione: l'andamento delle quotazioni delle materie prime necessarie per la produzione di energia, ossia il petrolio e il gas. Questo perché il costo di produzione dell'energia elettrica dipende principalmente dalle materie prime utilizzate. Altri fattori che possono influenzare il prezzo della luce sono:

  • Il costo del trasporto e della distribuzione dell'energia;
  • La manutenzione delle reti;
  • La gestione dei servizi di vendita.

Grazie alla trasparenza delle singole voci della bolletta luce è possibile avere una visione chiara dei costi associati alla produzione, al trasporto e alla distribuzione dell'energia elettrica. Inoltre, la periodica valutazione dei costi dell'ARERA garantisce la stabilità dei prezzi e la tutela degli utenti finali.

Un esempio pratico: quanto costa 1 kWh con il Servizio Elettrico Nazionale?

Come anticipato, l'ARERA prevede due tariffe diverse per gli utenti domestici: la monoraria e la bioraria.

Il costo del kWh con Servizio Elettrico Nazionale è di 0,071 €/kWh nella tariffa monoraria (F0), mentre in quella bioraria F1 costa 0,073 €/kWh e nella F23 0,070 €/kWh. Le fasce orarie si dividono in questo modo:

  1. F1, che è la fascia oraria più costosa e va dalle 8.00 alle 19.00 nei giorni feriali, quindi dal lunedì al venerdì (ad esclusione delle festività nazionali);
  2. F23, conosciuta anche come F2+F3, che copre invece gli orari dalle 19.00 alle 8.00 nei giorni feriali e qualsiasi orario nel weekend e nelle festività.

Il prezzo dell’energia elettrica nel mercato tutelato riguarda la spesa per la materia energia, alla quale bisogna aggiungere poi alcuni costi come la spesa per il trasporto e la gestione del contatore, gli oneri di sistema, le imposte, l’IVA ed elementi come il Canone Rai.

Aggiornato in data

Ti potrebbe interessare anche