Ottobre è il mese con più contratti Luce e Gas!

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Buono Amazon 100€ se attivi oggi luce e gas con Sorgenia!

Prezzo super competitivo fisso per 1 anno: luce a 0,034 €/kWh notte e giorno e gas a 0,17 €/Smc, nessun vincolo contrattuale e sconto di 60€ se porti un amico in Sorgenia.

luce_gas_ottobre

Secondo lo studio di Selectra il numero delle operazioni legate a luce e gas in questo periodo cresce di circa un terzo rispetto al resto dell’anno. Adesso conviene passare al Mercato Libero e in questo articolo ti spieghiamo perché.


Ci troviamo ancora nel primo periodo dell’autunno, ma in molte zone d’Italia le temperature iniziano già a precipitare senza sosta. La stagione fredda inizia ad avvicinarsi, e infatti per chi risiede in alcune zone del Nord Italia, e abita in un condominio o possiede un riscaldamento centralizzato, già dal 15 ottobre è stata avviata la fase di accensione dei riscaldamenti.

Complice il freddo, che comporta sempre un aumento dei consumi energetici facendo scattare l’allarme sul costo finale in bolletta, questo sembra il periodo dell’anno più adatto per occuparsi delle utenze luce e gas e cambiare il proprio fornitore di energia.

Autunno: +40% di operazioni Gas e +20% Luce

A confermare il trend è il recente studio di Selectra, secondo cui il numero delle operazioni legate alle utenze energetiche cresce in questo periodo di circa un terzo rispetto al resto dell’anno. (Lo studio è stato realizzato analizzando le operazioni legate al periodo compreso tra il 1 gennaio 2018 e il 31 dicembre 2019).

Analizzando i dati delle operazioni effettuate sul comparatore di Selectra, le richieste di confronto sulle tariffe luce e gas, durante i mesi autunnali, aumentano in media del 15% rispetto al resto dell’anno, raggiungendo una crescita del 20% ad ottobre.

In questo periodo, l’aumento delle operazioni legate alle utenze energetiche, è dovuto soprattutto al gas. Tra il 22 settembre e il 21 dicembre si registra una crescita delle operazioni superiore al 40% rispetto alla media del resto dell’anno, e il mese principale in cui si concentrano di più le operazioni è proprio ottobre: quasi il doppio rispetto alle altre stagioni.

Aumentano inoltre anche le operazioni legate alla fornitura di energia elettrica. I numeri sono meno decisi rispetto alle operazioni legate al gas, ma sono comunque significativi di questo trend: un aumento di quasi il 20% nei mesi autunnali rispetto al resto dell’anno con ottobre che raggiunge il 25% di crescita.

Perché oggi conviene passare al Mercato Libero?

Ma è solo l’avvicinarsi della stagione fredda che spinge di più le persone ad occuparsi delle utenze domestiche?

È ancora presto per dirlo, ma i recenti rincari sulle tariffe luce e gas comunicati da ARERA per i prossimi tre mesi potrebbero spingere ulteriormente il dato in questa direzione.

Il 30 settembre scorso, infatti, ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha annunciato un forte aumento delle tariffe luce e gas dal 1 ottobre al 31 dicembre per le persone che si riforniscono sul Mercato Tutelato. In particolare, il gas subirà un aumento del +11,4% e la luce del +15,6%.

Questo aumento delle tariffe comporterà, di conseguenza, un rincaro sulle bollette mensili: + 6 euro al mese sulla bolletta luce (per cliente tipo con un consumo annuo di 2700 kWh e contatore a 3kW) e +8 euro al mese sulla bolletta gas (per clienti tipo con consumo annuo di 1400 Smc a famiglia).

Conviene quindi passare al Mercato Libero?

Analizzando i numeri la risposta è Sì. Dal 1 ottobre i prezzi luce e gas sul Mercato Libero sono in media del 15% più bassi rispetto al Mercato Tutelato, e scegliendo inoltre una delle offerte più convenienti del Libero oggi è possibile risparmiare fino al 50% sulla componente energia.

Specifichiamo meglio questo punto. Quando parliamo di componente energia intendiamo il prezzo dell’energia escluse tutte le altre voci: perdite di rete, dispacciamento, commercializzazione. Il prezzo della componente energia nel Mercato Tutelato viene regolamentato dall’Autorità (ARERA), mentre nel Mercato Libero viene liberamente deciso dai fornitori in base alle regole di concorrenza all'interno del mercato. In questo momento, rispetto al Mercato Tutelato, è possibile risparmiare fino al 50% sulla componente energia, (componente inclusa nella prima voce della bolletta della luce: la spesa materia energia).

Quanto si risparmia con il Mercato Libero?

Facciamo un esempio concreto di eventuale risparmio.

Prendendo in esame i dati del comparatore di Selectra, attivando in questo momento un’offerta conveniente del Mercato Libero, una famiglia può risparmiare fino a 68 euro/anno nella bolletta della luce e fino a 76 euro/anno in quella del gas (calcolo effettuato il 6/10/2020 per una famiglia tipo residente nel Nord Italia, con consumi annui dell’energia elettrica di circa 2700 kWh/anno e del gas di circa 1400 Smc).

A questi numeri, inoltre, vanno presi in considerazione anche i servizi extra e i buoni aggiuntivi che diversi fornitori di energia del Mercato Libero mettono a disposizione per i propri clienti.

È questo, quindi, il momento migliore per cambiare fornitore di energia?

Dallo studio che abbiamo realizzato i dati forniscono un quadro generale esemplare: gli italiani si occupano di più delle utenze luce e gas ad ottobre e in generale durante l’autunno rispetto al resto dell’anno.

Se a questo dato aggiungiamo oggi altri fattori, come l’aumento delle tariffe luce e gas sul Mercato Tutelato annunciate da ARERA e la possibilità, come illustrato in precedenza, di attivare un’offerta conveniente del Mercato Libero, tutto lascia presupporre che ottobre, e l’autunno in generale, rappresentano un periodo adatto in cui fare la differenza per cominciare a risparmiare fin da subito preparandosi per tempo prima dell’arrivo della stagione invernale.

Aggiornato in data

Le ultime News dal mondo Luce e Gas