PUN: Cos'è il Prezzo Unico Nazionale dell'Energia Elettrica?

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Confronta e risparmia 150€ su Luce e Gas, è Gratis!

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte luce e gas o scegli quando essere ricontattato.

PUN

A seguito della liberalizzazione del mercato energetico, a partire dal 2007, l'energia elettrica da un regime di monopolio esercitato dall'Enel è divenuto un servizio quotato all'interno di una borsa nazionale.


Il Prezzo Unico Nazionale - Pun è il prezzo di riferimento dell'energia elettrica rilevato sulla Borsa elettrica Italiana (IPEX). Tramite il sito web del Gestore dei Mercati Energetici (GME) è possibile monitorare il valore del PUN.

Perché esiste una Borsa elettrica dell'Energia?

Con la liberalizzazione del mercato energetico e per favorire un corretta dialettica tra i vari operatori del libero mercato, la Borsa Elettrica, istituita in Italia a partire dal 1 Aprile 2004, ha il compito di istituire un sistema organizzato di offerte, di vendita e di acquisto di energia elettrica. All'interno di questo mercato si viene, quindi, a quantificare il Prezzo Unico Nazionale sulla base di un calcolo della media ponderata dei prezzi di zona, rapportata sui numeri e sulle percentuali degli acquisiti totali.

Fornitori e ProduttoriA differenza di quanto possa sembrare, non tutti i fornitori sono anche produttori di energia elettrica. Perciò il monitoraggio svolto dalla Borsa dell'energia elettrica favorisce il rapporto tra i vari attori del mercato.

La Borse Elettrica ha una duplice funzione: da un lato promuovere la competizione nelle attività di produzione e vendita all'ingrosso; dall'altro favorire la trasparenza e l'efficienza dell'attività di dispacciamento.

Che cosa rappresenta il Pun?

Come abbiamo visto la borsa elettrica italiana è il mercato all'ingrosso dell'energia elettrica italiana, all'interno del quale

  • i produttori di energia elettrica, che costituiscono l'offerta, vendono l'energia all'ingrosso e
  • i fornitori del libero mercato, i grandi consumatori e Acquirente Unico acquistano l'energia per se stessi o da fornire a terzi.

Il Pun è un valore unico su base mensile e viene espresso in €/kWh o in €/MWh.

andamento pun
Andamento media annuo del Pun espresso in megawatt 2014 - 2018

Il Pun rappresenta il valore medio del costo dell'energia elettrica per ogni ora e per ogni giorno su base nazionale. Il dato nazionale è una media che tiene conto dei prezzi formati nelle diverse zone d'Italia e nelle diverse ore della giornata: quest'ultimi scaturiscono dalle contrazioni tra i produttori di energia (offerta) e attori del mercato energetico (domanda). Per questo motivo il prezzo è variabile ogni ora dell'anno con valori tendenzialmente più alti nelle ore in cui è più difficile e costoso produrre energia elettrica; al contrario nelle ore di maggior offerta/produzione il valore è più basso.

Monitoraggio prezzo Pun: è possibile risparmiare?

A questo punto, possiamo provare a chiederci che cosa significa per un utente conoscere una materia così specifica del settore e perché dovrebbe comportargli un risparmio in bolletta. Quello che possiamo dire intanto è che: sapere è potere. Seguire l'andamento del mercato del prezzo dell'energia all'ingrosso, ci aiuta a capire qual è il costo aggiuntivo sul kWh che il singolo fornitore applica e rivende al proprio cliente.

Contratto luce a prezzo fisso: se il Pun Cresce o DecresceSe dopo la sottoscrizione di un contratto luce a prezzo fisso, il Pun Cresce, significa che abbiamo aderito a un offerta più conveniente rispetto a quelle che il mercato presenterà nei prossimi mesi; al contrario se il Pun Decresce rischiamo di pagare di più rispetto a quello che potrebbe offrire il mercato.

Tra l'altro, è opportuno precisare che diversi fornitori del libero mercato presentano tra le proprie offerte, oltre a quelle con un prezzo bloccato, anche offerte con prezzi variabili che seguono, appunto, il prezzo del mercato all'ingrosso dell'energia elettrica. In questo modo il cliente ha il vantaggio un sottoscrivere un offerta con un prezzo puro, senza alcun costo aggiuntivo applicato dal fornitore, ma soggetto a rischi per via dell'andamento in borsa. Un po' come quando stipuli un mutuo a tasso variabile.

Aggiornato in data

Ti potrebbe interessare anche