Gennaio 2021: fine del mercato tutelato per le PMI

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Buono Amazon 80€ se attivi oggi luce e gas con Sorgenia!

Prezzo super competitivo fisso per 1 anno: luce a 0,047 €/kWh notte e giorno e gas a 0,22 €/Smc, nessun vincolo contrattuale e sconto di 60€ se porti un amico in Sorgenia.

Passaggio mercato libero per le PMI dal 1 gennaio 2021

Con l’entrata del nuovo anno, la liberalizzazione del mercato energetico si avvia verso un passaggio cruciale: la fine del mercato tutelato, sancito da gennaio 2021, per le utenze business in particolare per le imprese con determinate caratteristiche.


Dopo numerose proroghe e rinvii, il servizio di maggior tutela si appresta a un graduale superamento per fare posto al libero mercato per le PMI. Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti di un’azienda o di una impresa per cui è previsto il passaggio al mercato libero e come funziona il servizio a tutela graduale per tutte quelle realtà imprenditoriali che non hanno ancora scelto un fornitore del mercato libero.

 
  • Imprese per cui è previsto il passaggio da gennaio 2021
  • Titolari di punti di prelievo connessi in bassa tensione.
  • Fatturato annuo tra i 2 e i 10 milioni di euro.
  • Numero compreso tra i 10 e i 50 dipendenti.
  • Potenza contrattuale impegnata superiore ai 15kW

Fine del mercato tutelato per le PMI dal 2021

Allo stato attuale, le attività commerciali o le utenze domestiche hanno già facoltà di lasciare il servizio di maggior tutela per approdare alle condizioni del libero mercato poste da un sistema concorrenziale. Ma da gennaio 2021, le PMI non avranno più la facoltà di sottoscrivere un contratto di fornitura stabilito dal servizio di maggior tutela. La normativa, recante disposizioni urgenti in materia di proroga di termini legislativi, di organizzazione delle pubbliche amministrazioni, nonche' di innovazione tecnologica, entrata in vigore il 01/03/2020, inaugura un percorso di transazione graduale destinato al superamento del servizio di maggior tutela:

  • per le PMI dal 1 gennaio 2021;
  • per le microimprese (utenze business con potenza contrattuale superiore ai 15kW) e le famiglie (utenti domestici) dal 1 gennaio 2022.

Quindi da gennaio 2021 comincia il progressivo passaggio obbligatorio dal servizio di maggior tutela al mercato libero. Tuttavia, come sottolinea l’ARERA, delibera del 25 novembre 20202, il passaggio non sarà radicale per le imprese coinvolte ma vedrà dei tempi di passaggio scanditi da un servizio a tutela di tipo graduale.

Segui tutte le news in tempo reale! Unisciti al nostro canale Telegram per ricevere le ultime news, guide pratiche e le offerte luce e gas.

Che cos’è il servizio a tutela graduale?

Dal 1 gennaio 2021 più che il passaggio obbligatorio al mercato libero, è previsto un sistema di servizio a tutela graduale. A seguito di numerose consultazioni con gli agenti protagonisti del mercato energetico, l’Authority garante per l’energia elettrica e gas ha optato per un sistema graduale. Tale sistema prevede, per le piccole-medie imprese (contraddistinte dai requisiti sopra citati) che non hanno ancora scelto le condizioni poste dal libero mercato con l’affacciarsi del nuovo anno, la garanzia della continuità della fornitura in modo tale che gli utenti ancora indecisi abbiano il tempo necessario a scegliere l'offerta più adatta alle proprie esigenze.

In questo caso le utenze business che non hanno ancora scelto una delle opzioni proposte dal libero mercato passeranno automaticamente e temporaneamente, senza interruzioni della fornitura, nel servizio a tutele graduali. Nell’arco di tempo compreso tra il 1°gennaio 2021 e il 30 giugno 2021, l’utente continuerà ad essere fornito dal proprio fornitore operante nel servizio di maggior tutela con le condizioni economiche contrattuali definite PLACET.

Servizio a tutela graduale: info utili

Che cosa sono le offerte Placet?

Le offerte Placet prevedono condizioni economiche liberamente decise dalla società di vendita e rinnovate ogni 12 mesi ma la struttura del prezzo e le condizioni contrattuali sono stabilite dall’Autorità.

Che cosa succede dal 1°luglio 2021?

Ci sarà un’assegnazione a regime, una sorta di concorso, ripetuto dopo tre anni, con la quale saranno scelti, in base alle competenze locali, gli esercenti della maggior tutela.

E’ possibile passare al mercato libero durante il servizio di tutela graduale?

Si! In qualsiasi momento i titolari delle PMI possono aderire a un’offerta del mercato libero. Per conoscere le migliori soluzioni del mercato puoi contattarci allo 02 947 553 39 o fatti richiamare gratuitamente.

Quali sono le potenzialità del mercato libero per le PMI?

Il mercato libero dell’energia, fin dalle sue prime fasi di sviluppo, si è affacciato verso il mondo delle utenze business con proposte tariffarie in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza: dai consumi più piccoli fino ai consumi più energivori. Le utenze commerciali con il libero mercato possono stipulare un contratto dual e attivare con un unico operatore sia la fornitura elettrica che gas. Ma soprattutto possono scegliere se aderire a un’opzione di tipo monoraria (prezzo senza alcun vincolo d’orario) o bioraria (prezzo scandito in base alle fasce orarie) nel pieno rispetto dei propri consumi e del tipo di attività che viene svolta.

In generale, il mercato libero offre la facoltà, agli utenti titolari di una Partita Iva, di valutare e confrontare l’offerta con il prezzo più vantaggioso e in più in linea alle proprie aspettative. Un ulteriore elemento da non sottovalutare, è l’apertura del mercato energetico verso altri servizi esterni, noti come extra-commodity. Oltre al tradizionale contratto di luce e gas, gli operatori del libero mercato garantiscono ulteriori servizi come ad esempio: la manutenzione dell’impianto elettrico o gas, la polizza assicurativa in caso di incidenti all’interno del proprio locale, la riparazione o la sostituzione degli strumenti elettrici, la compensazione delle emissioni di CO2. In basso le migliori offerte luce e gas del momento attivabili da tutti i clienti business.

Offerte Luce e Gas: la classifica delle tariffe più convenienti per i clienti Business
POSIZIONE NOME OFFERTA TARIFFA €/kWh e €/Smc
first-place
Prima Posizione
Logo Iren

Iren 4Business

LUCE: F0 0,070, F12 0,074, F3 0,062

second-place
Seconda Posizione
Logo Sorgenia

Next E-Business


LUCE: 0,085

third-place
Terza Posizione
Logo Enel Energia

E-Light Impresa

LUCE: F0 0,073, F1 0,073, F23 0,073

Come passare al mercato libero

Salvo ulteriori rinvii o proroghe, come si evince da alcune posizioni all’interno della maggioranza di governo che spinge per posticipare il passaggio al mercato libero per le PMI a luglio 2021, le attività commerciali sono tenute a rivolgersi a un fornitore del mercato libero. Questo passaggio può concretizzarsi attraverso un semplice cambio gestore, passando da un fornitore all’altro mentre le utenze sono ancora attive, oppure con una nuova riattivazione del contatore. Infatti l’attivazione di un contatore di luce e/o gas può rappresentare l’occasione ideale per valutare diverse offerte e rivolgersi direttamente a un fornitore del libero mercato. Per attivare una qualsiasi offerta del mercato basta semplicemente:

  • ragione sociale e numero di Partita Iva;
  • dati anagrafici del legale rappresentante;
  • codice ateco;
  • indirizzo della sede legale e di fornitura;
  • codice POD (luce) e/o codice PDR (gas);
  • potenza richiesta del contatore luce.

Quest’ultimo punto è particolarmente interessante per le attività commerciali per avvicinarsi al libero mercato. Infatti insieme all’attivazione della fornitura elettrica, se necessario, il titolare della attività, può richiedere l’aumento o la diminuzione di potenza contatore nonché la variazione della tensione da monofase a trifase o viceversa. Con questa modifica all’impianto, il richiedente può godere fin da subito della potenza indispensabile per lo svolgimento dell’attività.

Aggiornato in data

Le ultime News dal mondo Luce e Gas