Come attivare luce e gas senza il contratto di affitto?

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Voltura, Subentro o Allaccio?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Come procedere con una nuova attivazione o voltura di luce e gas senza il contratto di affitto?
Come procedere con una nuova attivazione o voltura di luce e gas senza il contratto di affitto?

Come ben intuibile, durante il trasloco in una nuova abitazione presa in affitto, una delle principali preoccupazioni per l'inquilino è l'attivazione delle utenze di luce e gas, o la voltura di quest'ultime se risultano ancora attive. Tale preoccupazione può dimostrarsi ancora più spinosa se non abbiamo ancora il contratto di affitto registrato.


Vediamo in questa breve guida come procedere con l'attivazione o la voltura delle utenze luce e gas se ci si trova in una situazione come questa.

Attivazione Luce e Gas: Serve Subito il Contratto d'Affitto?

A differenza di quanto si pensi, la risposta a questa domanda è: No! Durante la stipula di un contratto di luce e gas, il fornitore non ci chiede direttamente il contratto di affitto bensì un'autocertificazione verbale all'interno della quale il cliente dichiara di avere la proprietà o il regolare possesso o la legittima detenzione dell'immobile dove richiede la fornitura di energia elettrica e/o gas.

Questo significa che il cliente può richiedere una nuova attivazione anche senza il contratto d'affitto purché il contratto sia in corso di registrazione. Il semplice preliminare di locazione, quindi, è più che sufficiente per attestare il proprio rapporto con l'immobile e di conseguenza richiedere l'attivazione di un nuovo contratto luce e gas. Dopo la stipula del contratto di luce e gas, inoltre, a prescindere dal fatto che si sia trattato di un subentro o una voltura, il cliente non è tenuto a inviare il contratto di affitto registrato al fornitore.

Leggi anche: Vantaggi e svantaggi del contratto d'affitto con utenze comprese

Esempio: Subentro Enel Senza Contratto d'Affitto

Prendiamo l'esempio di Enel Energia. Immaginiamo di esserci appena trasferiti in una nuova casa e di voler attivare con loro un nuovo contratto luce e gas. Il primo consiglio, intanto, è quello di verificare lo stato delle utenze: è fondamentale controllare lo stato attuale dei contatori luce e gas prima ancora di attivare i nuovi contratti. Se sono ancora attivi ma intestati al vecchio inquilino o al proprietario dell'immobile si può procedere con la voltura, spiegata nel paragrafo successivo.

Se, al contrario, i contatori sono stati disattivati bisogna chiedere un subentro e i dati che ci occorrono sono i seguenti:

  • dati anagrafici del nuovo inquilino (nome, cognome, codice fiscale);
  • codice POD e/o PDR recuperabili sulla bollette di luce e/o gas o i codici dei contatori;
  • indirizzo email;
  • codice Iban, se interessati ad attivare la domiciliazione bancaria.

Con Enel Energia, il nuovo cliente, insieme all'email per la conferma contrattuale, riceve un secondo modulo da compilare online "DICHIARAZIONE DI POSSESSO/DETENZIONE DELL’IMMOBILE (L. 80/14)

enel-contratto-affitto
Come fare la richiesta con Enel senza contratto di affitto!

Come possiamo vedere dal precedente modulo, quindi, anche se non abbiamo ancora concretamente il contratto di affitto registrato, è sufficiente barrare la casella locazione/comodato e riportare i dati di chi mette a disposizione l'immobile (ovvero il proprietario): quest'ultimo può essere una persona fisica o una persona giuridica. Il proprietario dell'immobile deve anche apporre la sua firma e allegare la fotocopia di un documento d'identità valido. Ma il contratto di fornitura di luce e/o gas resta, ovviamente, intestato al nuovo inquilino dell'immobile.

Chiamaci per attivare il contatore con Enel Per attivare il tuo contatore con Enel puoi contattarci al numero  06 948 080 87 (lun-ven dalle 8:30 alle 20:00 e sab dalle 9:00 alle 18:00) - con il costo di una chiamata nazionale - oppure puoi lasciare il tuo numero di telefono usando il servizio di richiamata.

Voltura Luce e Gas Senza Contratto d'Affitto

Lo stesso scenario si presenta se invece di un subentro, dobbiamo richiedere una voltura delle utenze di luce e gas. La richiesta di voltura è l'operazione da effettuare quando le utenze all'interno del nuovo immobile sono ancora attive ma intestate al precedente inquilino. In questo caso abbiamo bisogno di:

  • dati anagrafici (nome, cognome, codice fiscale) del nuovo intestatario e del vecchio inquilino;
  • codice POD e/o PDR recuperabili sulla bollette di luce e/o gas;
  • dati catastali dell'immobile;
  • indirizzo email;
  • codice Iban, facoltativo per la domiciliazione bancaria.

Anche per una richiesta di voltura possiamo ugualmente procedere se non abbiamo ancora il contratto di affitto. Per attestare la legittima detenzione della proprietà  immobiliare è fondamentale, però, recuperare i dati catastali dell'immobile. In assenza del contratto di affitto, è possibile trovarli anche nel contratto preliminare di locazione.

Sono necessari, in particolare, i seguenti dati:

  • Foglio: identifica una porzione di territorio comunale che gli uffici catastali rappresentano nelle proprie mappe cartografiche, ovvero la zona del comune nel quale l'unità immobiliare è ubicata;
  • Particella: rappresenta, una porzione di terreno, o un fabbricato e l'eventuale area di pertinenza;
  • Subalterno: identifica la singola unità immobiliare.

Compilati i moduli e avviate le relative procedure in pochi giorni riuscirai ad avere luce e gas attive nella nuova casa anche senza il contratto d'affitto registrato. Non sei sicuro di quale procedura avviare? Chiedi consiglio ai nostri esperti! Chiama lo 02 947 553 45 o usa il servizio di richiamata gratuita!

Aggiornato in data

Ti potrebbe interessare anche