Condizionatori Portatili: Senza Tubo, Caldo Freddo e Prezzi

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Confronta le offerte e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Confronta e risparmia 150€ su Luce e Gas, è Gratis!

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte luce e gas o scegli quando essere ricontattato.

condizionatori portatili
Condizionatori Portatili: come funzionano? Quali sono i vantaggi? Guida all'uso (con e senza tubo)

I condizionatori portatili possono essere una valida soluzione se hai bisogno di rinfrescare una stanza ma non vuoi affrontare gravosi ed invasivi lavori di installazione. Ecco le cose importanti da sapere quando decidi di acquistarne uno.

  • In breve
  • Esistono vari tipi di condizionatori portatili con diverse funzionalità in grado di soddisfare molte esigenze di utilizzo;
  • Economici in fase di acquisto, i condizionatori portatili hanno però un punto debole nella rumorosità e nel consumo elettrico mediamente più alto rispetto ad un fisso;
  • Per ridurre il consumo di energia nella bolletta chiama lo 02 947 553 39 oppure fatti richiamare per confrontare le offerte luce e attivare la più conveniente.

Nelle estati di una volta l’unico rimedio al caldo era il ventilatore, che però portava un giovamento limitato e si limitava a spostare aria, non risolvendo il problema del caldo. Tutto questo fino all’avvento dei primi climatizzatori portatili, che sono poi stati noti al grande pubblico come “pinguino” dal nome del modello che ha spopolato all’inizio degli anni novanta.

Se stai cercando un condizionatore portatile ma vuoi prima capire come funzionano, quale scegliere , i prezzi e i consumi di luce leggi questa guida che ti dà una mano ad farti una prima idea di partenza.

Il Condizionatore Portatile: Come Funziona e Vantaggi

Questo apparecchio fu una vera e propria rivoluzione nel comfort casalingo, perché permetteva di rinfrescare una stanza in breve tempo, ponendo rimedio al problema del caldo intenso della stagione estiva.

Il climatizzatore portatile resiste ancora oggi, nonostante l’avvento dei condizionatori (macchine fisse da appendere alle pareti di casa) perché copre una specifica nicchia di necessità della clientela, e anche per via delle sue indubbie qualità di facilità d’installazione e funzionamento. Infatti un condizionatore portatile può facilmente essere spostato da una stanza all’altra e da una casa all’altra qualora ci fosse la necessità, proprio perché non prevede la creazione di un impianto canalizzato in casa.

In pratica basta attaccarlo ad una comune presa di corrente, trovare lo spazio per il tubo dello scarico d’aria e l’apparecchio può già considerarsi funzionante.

  • I vantaggi di un climatizzatore portatile
  • Si installa facilmente;
  • Si può spostare facilmente;
  • Si può usare anche come deumidificatore d’inverno.

Il progresso ha comunque toccato anche questa tipologia di climatizzatori che con il tempo hanno visto aumentare i modelli disponibili affinandosi sempre di più nella tecnologia e diventando delle macchine che possono adattarsi ad ogni condizione possibile. Inoltre le sue funzioni come quella di deumidificazione o pompa di calore lo rendono utile anche d’inverno, ad esempio in una lavanderia di casa per l’asciugatura dei panni.

Tipi di Condizionatori Portatili: con e senza tubo

Come detto il numero dei modelli è aumentato con il passare degli anni e la qualità complessiva di questi apparecchi si è alzata grazie al progresso in termini tecnologici dei climatizzatori.

Si possono comunque dividere in due macro categorie che hanno i loro pro e contro e che devono essere scelte in base alle diverse esigenze: con tubo e senza tubo.

Condizionatori Portatili con il Tubo

Questi sono i classici condizionatori che abbiamo imparato a conoscere nel corso dei decenni. Sono climatizzatori senza unità esterna, che hanno però la necessità di avere un tubo per l’espulsione dell’aria calda da mettere in comunicazione con l’esterno.

Come funziona un climatizzatore portatile Il principio alla base del funzionamento di un climatizzatore portatile con il tubo è quello dello scambio d’aria. La macchina in questione incamera aria calda dall'esterno tramite delle bocchette poste sul retro dello split trasformandola in fredda per l'immisione nella stanza desiderata. Contemporaneamente espellerà l’aria calda attraverso il tubo che dovrà essere posizionato verso l'esterno della stanza.

Uno degli inconvenienti di questi modelli è proprio quello che spesso devono essere utilizzati tenendo una piccola parte di finestra aperta per consentire al tubo di espellere l’aria, oppure si deve necessariamente praticare un foro sulla finestra, da coprire opportunamente quando arriva la stagione fredda.

Per il resto i climatizzatori portatili hanno come sempre la tanica interna per la raccolta dell’acqua di condensa che deve essere periodicamente svuotata per garantire il corretto funzionamento della macchina

Climatizzatori portatili Senza Tubo

Qui è necessaria un po' di chiarezza per non confondere tipologie di prodotti diversi. In commercio si trovano anche piccoli apparecchi che però non hanno nulla a che vedere con dei condizionatori portatili ma sono perlopiù dei ventilatori con abbinata una parte interna raffreddata che svolge la funzione di raffrescamento dell’ambiente solo per pochissimo tempo. Ovviamente non necessitano di tubo esterno, ma non possono considerarsi prodotti equivalenti al climatizzatore, in quanto la loro potenza ed inerzia refrigerante è estremamente bassa.

Vengono considerati climatizzatori senza tubo anche quelli che si posizionano nella parte bassa di una parete. Sono in pratica dei condizionatori da pavimento, ma che vengono comunque fissati al muro anche senza dover eseguire un impianto completo. Hanno però la necessità di un foro che comunichi con l’esterno per l’espulsione dell’aria calda, quindi in termini pratici non hanno il tubo e nemmeno l'unità esterna, ma il principio di funzionamento rimane il medesimo, togliendo anzi la comodità della trasportabilità della macchina.

Esistono poi modelli di climatizzatori ad acqua, che sfruttano principi diversi per assicurare il raffreddamento della stanza.

Come funzione un climatizzatore Senza Tubo ad acqua Il principio del funzionamento di questo climatizzatore è che il raffreddamento del gas interno deputato alla refrigerazione avviene tramite l’acqua e non più con uno scambio d’aria. Con un condensatore d’acqua interno si ottiene il processo di raffreddamento permettendo una prestazione migliore in termini energetici.

Alcuni modelli di condizionatore ad acqua prevedono il caricamento del liquido direttamente su di una tanica interna alla macchina e funzionano in abbinata aria/acqua. Altri invece, si possono direttamente collegare alla rete idrica e non hanno quindi il tubo esterno, penalizzando però la trasportabilità dell’apparecchio.

Funzioni dei climatizzatori portatili

I clima portatili non hanno nulla da invidiare a quelli fissi in termini di funzionalità. Si possono trovare tutte le opzioni più comuni come ad esempio:

  • Climatizzatori portatili caldo freddo, cioè dotati di pompa di calore per la stagione invernale;
  • Deumidificatori portatili, grazie a questa funzione il climatizzatore si trasforma in un classico deumidificatore, utilizzabile tutto l’anno per le stanze più umide della casa;
  • Impostazione della temperatura esatta;
  • Timer di programmazione, per l’accensione e spegnimento del dispositivo;
  • Modalità di risparmio energetico.

Condizionatori portatili: Consumi e Rumorosità

Uno dei punti deboli di questi sistemi di climatizzazione sono da ricercare nella parte dei consumi e della rumorosità.

Parlando del risparmio in bolletta si deve dire che queste macchine sono ormai dotate di classe di certificazione energetica più che buona, arrivando anche a modelli A++ nel caso di quelli più evoluti, ma comunque rispetto ad un condizionatore dual split ad esempio o ad un inverter il consumo rapportato alla potenza è maggiore. Pertanto il loro utilizzo massiccio potrebbe portare dei consumi elevati che si riflettono poi in bolletta, e magari è consigliabile usarli solo in fasce orarie dove il costo dell'energia è minore.

Occhio alla bolletta! Per contenere i consumi il primo passo deve essere quello di trovare le tariffe più vantaggiose. Se devi installare un climatizzatore portatile, ma la bolletta ti preoccupa, chiama il numero 02 947 553 39 oppure fatti richiamare per confrontare le offerte luce e attivare la più conveniente.

Il motivo è da ricercare nel fatto che sono condizionatori senza unità esterna, e quindi hanno la componentistica che comunque svolge quel tipo di lavoro all’interno dello split da posizionare nella stanza desiderata. Questo stesso motivo è anche il responsabile della maggior rumorosità quando è in funzione il climatizzatore.

Bisogna però dire che negli ultimi tempi sono stati fatti passi importanti e sia in termini di efficienza energetica sia in termini di silenziosità si stanno avendo risultati apprezzabili.

Condizionatori portatili: i Prezzi

Uno dei vantaggi di cui possono godere i climatizzatori portatili è comunque quello del costo complessivo. In pratica sono una valida alternativa per chi non vuole rinunciare ad avere sempre un clima piacevole a casa ma necessita di qualche consiglio utile per risparmiare.

Partendo anche dal solo prezzo di acquisto del climatizzatore si evidenzia un risparmio, con modelli che partono dai 200 € circa fino a quelli più evoluti che solitamente non superano i 600/700€.

A questo si deve anche aggiungere il risparmio sostanziale che si ha nella fase di installazione, non dovendo eseguire lavori di impiantistica domestica che solitamente fanno lievitare il conto finale di più del doppio rispetto al solo acquisto dello split. Quindi rispetto ai condizionatori fissi, quelli portatili consento nell’immediato un risparmio notevole, nell’ordine dei 1000 €.

Aggiornato in data

Ti potrebbe interessare anche