Coppa Italia: Dove Vederla, Diritti e Calendario Partite

Coppa Italia la storia, dove vedere in tv e tutti i dettagli
Coppa Italia quello che c'è da sapere sulla coppa nazionale

La Coppa Italia è la prima coppa del campionato di calcio italiano. Vi partecipano squadre fino alla Serie D, senza divisioni di categorie e prestigio. Nella finale della Stagione 2020/2021 si sfideranno Juventus e Atalanta e la partita si terrà il 19 maggio 2021. Gli appassionati potranno seguirla sui canali Rai o su Rai Play.


La Coppa Italia
Chi partecipa? 9 squadre di Serie D, 29 di Lega Pro, 20 di Serie B e Serie A (con le prime otto che entrano solo ai quarti)
Dove vedere le partite Canali Rai in tv e in streaming RaiPlay (fino alla stagione 2020/21)
La finale 2020/ 2021 Gara unica a Roma all'Olimpico; per esigenze legate all'Europeo la finale 2020/21 si terrà al Mapei Stadium di Reggio Emilia

La formula della Coppa Italia

L'attuale formula della Coppa Italia prevede la partecipazione di tutte le 20 squadre di Serie A e Serie B, 29 di Lega Pro e 9 della Serie D. La squadra vincente ottiene la qualificazione per i giorni di Europa League, se però ha già ottenuto attraverso il campionato la qualificazione alla Champions League, è la migliore del campionato (e non l'altra finalista) a entrare nella competizione europea.

Nel primo turno eliminatorio giocano le squadre di Serie C e D, nel secondo turno entrano quelle di B mentre dal terzo turno arrivano le 3 neopromosse in Serie A. Dal nono al diciassettesimo posto le squadre di Serie A. Le prime otto squadre di Serie A entrano in gioco direttamente agli ottavi di finale. Attraverso il sorteggio vengono decisi gli accoppiamenti per le varie partite.

Tutti i turni eliminatori fino alle semifinali sono a eliminazione diretta. Le semifinali sono con partite di andate e ritorno, la finale è nuovamente in gara unica. Dal 2008 la finale si gioca all'Olimpico ma nella stagione 2020/21 si svolgerà al Mapei Stadium di Reggio Emilia per lasciare l'Olimpico all'organizzazione degli Europei.

Coppa Italia 2020/21
Ottavi di Finale Quarti di Finale Semifinale Finale

Milan - Torino 5-4

Fiorentina - Inter 1-2

Napoli - Empoli 3-2

Juventus - Genoa 3-2

Sassuolo - Spal 0-2

Atalanta - Cagliari 3-1

Roma - Spezia 0-3 (a tavolino)

Lazio - Parma 2-1

Inter - Milan 2-1

Atalanta - Lazio 3-2

Juventus - Spal 4-0

Napoli - Spezia 4-2

Inter - Juventus 1-2 e 0-0

Napoli - Atalanta 0-0 e 1-3

Juventus - Atlanta (19/05/21)

Diritti TV della Coppa Italia

I diritti tv della Coppa Italia sono in mano alla Rai almeno fino al termine della stagione 2020/21. La tv pubblica dovrebbe tornare a investire nella coppa nazionale che soprattutto nelle fasi finali garantisce ottimi riscontri di pubblico grazie alle sfide tra le big del campionato.

La Rai trasmette tutte le partite, nelle fasi iniziali viene per lo più usato il canale Rai Sport+ o la piattaforma di streaming Rai Play solo con l'arrivo delle squadre di Serie A le partite sbarcano sui principali canali della tv pubblica in particolare Rai 1 e Rai 2

La Stagione 2020/21 del Campionato di Coppa Italia

Nella fase finale della stagione 2020/21 della Coppa Italia non tutte le 8 squadre della Serie A sono riuscite a superare la fase degli ottavi. Il caso più clamoroso è stato quello della Roma che non solo ha perso con lo Spezia sul campo di gioco ai supplementari ma a causa di un errore nel numero di sostituzioni effettuabili, ha subito la sconfitta a tavolino. 

Anche il Sassuolo è stato eliminato agli ottavi dallo SPAL formazione di Serie B retrocessa l'anno precedente. Nei quarti di finale è quindi arrivata una squadra di B che si è ritrovata a giocare allo Stadium contro la Juventus dovendo così abbandonare il sogno Coppa Italia. Inter - Juventus e Napoli - Atalanta sono state le semifinali con la finale che sarà Juventus - Atalanta. 

La Finale 2021 La finale della Coppa Italia 2020/21 non si terrà allo Stadio Olimpico di Roma ma al Mapei Stadium di Reggo Emilia, dove gioca il Sassuolo, il 19 maggio. Lo spostamento si è reso necessario per i lavori di preparazione dell'Olimpico per la partita inaugurale degli Europei a giugno 2021.

La squadra vincitrice della Coppa Italia sfiderà la squadra vincitrice del campionato di Serie A nella Supercoppa Italiana che si terrà nella prossima stagione calcistica. La squadra vincitrice della Coppa Italia nella prossima stagione avrà una piccola coccarda sulla maglia come simbolo della sua vittoria.

La Storia della Coppa Italia

La Coppa Italia nasce da una secessione. Nel 1921 le grandi società litigarono con la FIGC la Federazione Italiana Giuoco Calcio per la strutturazione del campionato, così decisero di creare una lega indipendente. A quel punto la FIGC consapevole dello svilimento del campionato provò a suscitare un po' di attenzione ulteriore creando una coppa nazionale ma anche questa, vista l'assenza delle squadre più importanti, non appassionò i tifosi, con la prima edizione vinta dal Vado. 

Nell'estate del 1922, sanate le rivalità, la Coppa Italia venne soppressa. Solo nel 1935 con la riduzione del campionato a 16 squadre tornò in forma stabile. Il modello venne ripreso dalla Coppa d'Inghilterra alla quale avevano accesso tutte le squadre delle diverse categorie. Dopo lo stop per la guerra, la Coppa venne ripresa nel 1958 e proprio in quell'edizione, vinta dalla Lazio, venne introdotta la coccarda tricolore come simbolo della squadra vincitrice. 

  • Albo d'oro dei vincitori della Coppa Italia
  • Juventus 13
  • Roma 9
  • Inter e Lazio 7
  • Fiorentina e Napoli 6
  • Milan e Torino 5
  • Sampdoria 4
  • Parma 3
  • Bologna 2
  • Atalanta, Genoa, Venezia, Vado, Vicenza 1

Cercando di richiamare tifosi negli anni '70 la FIGC cambiò la formula introducendo i gironi ma l'assenza della finale aveva fatto perdere il valore e il senso della competizione, dapprima con la sfida tra le vincenti dei due gironi, poi negli anni '80 con il ritorno alle sfide dirette. Intanto la nascita della Coppa delle Coppe cui accedevano le squadre vincitrici delle coppe nazionali delle federazioni europee aveva ridato smalto alla competizione. 

Quando nel 1999 scompare la Coppa delle Coppe anche la Coppa Italia perde valore. La formula viene modificata stesso prima restringendo alle sole squadre di A e B poi riportando anche le formazioni delle categorie minori, fino ad arrivare alla formula attuale. 

Aggiornato in data