Censimento Infratel Banda Ultralarga: a che punto siamo in Italia?

Risparmia Internet con SelectraRisparmia Internet con Selectra

Confronta le Offerte e Attiva la Fibra a 2,5 Giga da 25,95 euro!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13.

Infratel banda ultra larga

Infratel, già da marzo di quest’anno, ha effettuato una propria mappatura delle Aree Grigie e Aree Nere italiane al fine di classificare la copertura del territorio per quanto concerne la banda ultra larga (ultra broadband). Il risultato ottenuto da questo “censimento” è abbastanza deludente. Vediamo i numeri presentati da Infratel e le prospettive di sviluppo infrastrutturale nel 2020 e 2021.


  • In pillole
  • Infratel presenta la situazione della copertura banda ultralarga. Gli operatori hanno ancora molto da fare per aumentare la copertura internet del territorio.
  • Aree nere e aree grigie sono le zone in cui gli operatori sono finora intervenuti con i propri programmi di implementazione infrastrutturale o hanno interesse a farlo entro i prossimi tre anni.

Il Censimento Infratel

Nell’ultimo documento stilato da Infratel, azienda in house del Ministero dello Sviluppo Economico deputata alle infrastrutture TLC, leggiamo:

[...]La copertura di rete realizzata al 2018 è stata inferiore a quanto dichiarato nelle consultazioni precedenti, la copertura complessiva a fine 2018 è pari al 78% di quella prevista nella consultazione del 2015

Fonte Infratel

Infratel, inoltre, sottolinea che, a fine 2018, più di 3,2 milioni di civici italiani risultavano ancora non coperti dalla banda ultralarga. Il censimento è iniziato il 18 Gennaio e si è concluso il 15 Maggio 2019. In questo lasso di tempo, i gestori sono stati interpellati in merito alla copertura di zone grigie e nere.

infratel italia

Da questo report emerge che sono stati analizzati 4250 comuni italiani con oltre 18,8 milioni di indirizzi fisici e per un campione di oltre 25,8 milioni di case. Il risultato di tale approfondimento è che, per quasi il 33% dei civici analizzati, è presente una connessione con una copertura superiore a 100 Mbit. Questa sarà certamente la porzione di utenza potenzialmente soggetta ad ulteriori upgrade dell'infrastruttura fino a 1 Gbit per secondo.

Aree nere e grigie: perché censire?

Infratel ha classificato le zone in aree nere e grigie, che si distinguono dalle aree bianche, zone difficili o troppo costose da raggiungere con le nuove tecnologie in Fibra.

Aree nere e grigie: cosa sono? Tali zone sono rappresentative di quelle porzioni di suolo in cui gli operatori hanno fornito copertura con mezzi e infrastrutture proprie o, in alternativa, hanno valutato positivamente di intervenire in tali aree nei successivi 3 anni.

Grazie a questa “fotografia” del Paese, si potrà prevedere eventuali nuovi interventi statali per la Strategia Italiana per la Banda Ultralarga in modo da poter pianificare un’ulteriore implementazione della rete. Ricordiamo che i restanti 12 milioni di indirizzi civici, sparsi in più di 6700 comuni italiani sono sotto interventi pubblici nelle “aree bianche”.

Broadband: ancora molto da fare

I risultati evidenziano una situazione singolare. Ciò perché entro fine 2019, il 54% dei civici sarà coperto in VDSL con velocità superiore a 100 Mbit/s, ma per la medesima velocità in fibra ottica la copertura non supererà un 18% del campione, mentre per la soluzione mista FWA (fibra-radio), offerta ad esempio da operatori come LinkemIren e Eolo, la copertura sarà addirittura all’11%.

Per il 2020 e 2021, la situazione prevista cambierà di pochissimo a vantaggio di fibra ottica e FWA, con incrementi nell’ordine di 2 punti percentuali e con un contestuale decremento della VDSL. Da tali dati, deduciamo quindi che la miglioria riguarderà upgrade delle reti già “veloci”.

Aggiornato in data
Unisciti al canale Telegram di Selectra!
Unisciti al canale Telegram di Selectra!

Le ultime News Internet