Impianti elettrici: arriva il Bonus di 1200€ per ammodernarli

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Buono Amazon 100€ se attivi oggi luce e gas con Sorgenia!

Prezzo super competitivo fisso per 1 anno: luce a 0,028 €/kWh notte e giorno e gas a 0,15 €/Smc, nessun vincolo contrattuale e sconto di 60€ se porti un amico in Sorgenia.

condominio-arera-impianti

E' in vigore da pochi giorni, 13 novembre 2019, la delibera firmata dall'Arera, l'Authority Garante dell'Energia Elettrica e il Gas, per il rinnovo delle vecchie colonne montanti elettriche condominiali. Previsti rimborsi fino a 1200€ per tutti i lavori edili utili al conseguimento.


La delibera dell'Arera, ribattezzata "Bonus Impianti Elettrici", tenta di coniugare due obiettivi fondamentali: facilitare il rapporto tra gli amministratori di condominio e i distributori di energia elettrica e soddisfare il fabbisogno energetico, sempre più crescente, degli utenti.

Quali sono le ragioni che hanno spinto all'incentivo?

La manovra avviata dall'Arera nei confronti dei condomini si inserisce a pieno titolo sulla politica tracciata dall'attuale Governo Conte/bis come stabilito dall'approvazione, in consiglio dei ministri, della Legge di Bilancio. All'interno, infatti, salvo eventuali, emendamenti parlamentari che andranno a modificare il testo, è prevista una detrazione fiscale del 90% senza limiti di spesa per le spese documentate, sostenute nell'anno 2020, relative agli interventi edilizi di manutenzione ordinaria, finalizzati al recupero o restauro della facciata degli edifici.

Decoro ImmobiliareSe la seguente detrazione, nota giornalisticamente come Bonus Facciata, interviene sulla restaurazione esteriore degli edifici, il contributo dell'Arera interviene sulla restaurazione interiore: entrambi hanno lo scopo di ammodernizzare il decoro immobiliare e in generale delle città.

Dall'altra parte si focalizza l'attenzione sulla, sempre più crescente, esigenza energetica per il fabbisogno degli utenti. Attraverso il rinforzamento della rete elettrica e la resa più sicura, infatti, per i condomini è molto più semplice richiedere l'aumento della potenza del contatore da 3kW a 4.5kW o fino a 6kW

Vuoi risparmiare in bolletta?Richiedi un aumento di potenza dei tuoi kWh! Installando una piastra ad induzione e montando condizionatori a pompa di calore potrai limitare il consumo del gas metano per la cottura dei cibi e per il riscaldamento.

Che cosa riguarda la proposta dell'Arera?

Colonne elettriche
Ristrutturazioni delle colonne montanti.

Il contributo, destinato ai condomini, avviato dall'Arera prevede un tetto massimo di 1200€ ad appartamento per tutti i lavori edili per le ristrutturazioni degli impianti condominiali; in particolare il rinnovo delle vecchie colonne montanti elettriche. L'azione dell'Arera si concentra, quindi, su tutti quei lavori edili che riguardano la linea in sviluppo prevalentemente verticale che attraversa parti condominiali.

Per riassumere, si tratta di un incentivo destinato a tutti quegli interventi che riguardano i cavi che giungono fino ai contatori dell'energia elettrica dei singoli appartamenti o al pannello comune quando i contatori sono tutti raggruppati in un unico spazio.

A chi si rivolge e chi può goderne?

La fase sperimentale della regolazione stabilita dall'Arera durerà tre anni, dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2022, e coinvolge tutti i condomini che hanno la necessità di ammodernizzare, in quanto datato, l'impianto dell'energia elettrica, ovvero il collante con i singoli contatori dell'energia elettrica, possono fare appello al seguente incentivo.

L'unico limite, appunto, è relativo all'aspetto anagrafico dell'impianto: infatti sono soggetto a rimborso soltanto gli impianti elettrici realizzati prima del 1970 o nella fascia tra il 1970 e il 1985 se ritenuti critici. A prescindere dal numero e dalla grandezza.

Se il tuo condominio rientra in questi paletti contatta il tuo amministratore, anche il tuo appartamento può godere di questa iniziativa.

Come fare: a quanto ammonta il contribuito e come viene elargito?

Come già chiarito, il contributo per i lavori di ristrutturazione tenta di agevolare il rapporto tra gli amministratori di condominio e i distributori locali dell'energia elettrica. Proprio quest'ultimi hanno il compito di erogare i dovuti rimborsi al condominio. Il tetto massimo del contributo è di 1200€ e si articola in questo modo:

  • dai 400 ai 600€ per piano;
  • dai 700 ai 900€ per utenza (quindi per ogni singolo contatore);
  • dai 1000 ai 1200€ per utenza se in occasione dei lavori sulla colonna montante il condominio decide anche di centralizzare tutti i contatori in un unico vano;
  • 100€ a metro (fino a un massimo di 1500€) per l'eventuale parte di cavo destinata a collegare la colonna montante con il confine di proprietà.

L'ammontare definitivo del rimborso costituirà l'esito finale di un informativa preliminare, tra il condominio e il distributore, nella quale il distributore prospetta un accordo sui costi, tempi e modalità per l'ammodernamento delle colonne montanti vetuste.

Aggiornato in data

Le ultime News dal mondo Luce e Gas