5G Vodafone: Eseguito Primo Intervento Chirurgico da Remoto

Risparmia Internet con SelectraRisparmia Internet con Selectra

Confronta le Offerte e Attiva la Fibra a 1 Giga da 25,95 euro!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13.

Risparmia Internet con SelectraRisparmia Internet con Selectra

Confronta le Offerte e Attiva la Fibra a 1 Giga da 25,95 euro!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13.

Chirurgia Vodafone 5G

Durante il 5G Healthcare Vodafone Conference & Experience Day è stato eseguito il primo intervento di microchirurgia laser transorale su una laringe sintetica da remoto, grazie alla tecnologia e alla rete 5G di Vodafone. La medicina apre all’innovazione e, d’ora in poi, non conoscerà barriere geografiche.


  • In 3 minuti
  • Vodafone presenta il primo intervento di microchirurgia da remoto grazie all'avvento del 5G.
  • Durante il Vodafone 5G Healthcare sono stati presentati progetti che riescano ad innovare il campo medico e assistenziale.
  • Vodafone è stato il primo gestore a lanciare il 5G in Italia.

Microchirurgia da remoto grazie al 5G Vodafone

In occasione dell’appuntamento 5G Healthcare Vodafone Conference&Experience Day, Vodafone ha presentato 9 progetti, di cui 3 inediti, basati sulla tecnologia 5G nei settori di sanità, salute e benessere. La giornata ha visto un ampio dibattito e confronto sul ruolo delle nuove tecnologie digitali, arrivando a mostrare addirittura il primo intervento di chirurgia effettuato in remoto grazie alla tecnologia 5G.

Il futuro è davvero più vicino di quanto in realtà non si pensi. Infatti, il Professor Matteo Trimarchi, specialista in otorinolaringoiatria dell’IRCCS dell’Ospedale San Raffaele e professore associato della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Vita Salute a Milano, ha completato con successo un intervento di microchirurgia laser transorale (gli interventi effettuati con l'ausilio di robot, ndr) su un modello di laringe sintetica. Il supporto sintetico si trovava all’Ospedale San Raffaele, mentre il Dottor Trimarchi operava dal Vodafone Village, circa 15 chilometri di distanza, grazie alla rete 5G Vodafone.

Rete 5G e medicina: nuove frontiere in ambito medico

Proprio grazie alle caratteristiche di bassissima latenza, proprie della tecnologia 5G, il medico chirurgo ha potuto avviare il laser e utilizzare, completamente da remoto, le pinze della macchina robot operatoria. Contestualmente, Trimarchi visualizzava immagini stereoscopiche dell’area interessata dall’intervento di microchirurgia.

Va quindi sfatato il mito dell’inutilità d'impiego della nuova tecnologia ma soprattutto dei nuovi progressi effettuati in ambito di robotica e telecomunicazione. Vero anche che alcuni mesi fa, le reti 5G hanno costituito un motivo di vera e propria Guerra Fredda tra Usa e Cina per il predominio sulle telecomunicazioni globali. Beh, proviamo per un attimo a guardare avanti. L’intervento del Dottor Trimarchi mostra un risultato che ci conferma che la medicina abbia già imboccato la strada del futuro, potendo rendere più preziose le singole competenze medico-chirurgiche degli specialisti, ora proiettati verso un mondo digitale, potenzialmente senza barriere e limiti geografici d'intervento.

Vodafone presenta 3 nuovi progetti in ambito medico

Sempre durante il 5G Healthcare, Vodafone ha presentato 3 nuovi progetti che possano aiutare sinergicamente gli specialisti del settore medico, chirurgico ed assistenziale. Vediamo i 3 progetti inediti:

  • Chirurgia da remoto (in partnership con Istituto Italiano Tecnologia e San Raffaele);
  • Sistemi di analisi e consulto medico da remoto (in partnership con Exprivia - Italtel e Istituto Clinico Humanitas);
  • Monitoraggio remoto del paziente (in partnership con PoliMi e Istituto Clinico Humanitas).

I tre nuovi programmi presentati hanno un obiettivo a lungo termine: sviluppare la possibilità di poter effettuare progetti in tele-chirurgia robotica, consentendo a chirurghi di collaborare a distanza con l’equipe medica presente in sala operatoria. Ma non solo, Vodafone, ha presentato anche una soluzione per il tele-consulto dedicato al mondo della radiologia. Infatti, è possibile a tecnici e medici collaborare in remoto potendo condividere video e immagini radiologiche DICOM ad altissima risoluzione, in completa mobilità e garantendo standard di sicurezza nella gestione di quest’ultime.
Non è tutto, perché tra gli ambiziosi progetti presentati, vi è la possibilità di poter assistere in remoto pazienti soggetti a patologie delle vie respiratorie, come asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva, con il fine di ridurre i costi legati all’assistenza ospedaliera.

Tutto ciò si rende possibile grazie al 5G di Vodafone, prima a lanciarlo in Italia a giugno 2019 in 5 città: Milano, Roma, Napoli, Bologna e Torino. Vodafone non è legata solo al settore consumer. Infatti, con il comune di Milano, si sta sperimentando l'utilizzo della rete 5G anche per progetti in ambito smart city e smart energy, wellness, security e sorveglianza, andando a essere parte attiva anche del tessuto produttivo lombardo con progetti di mobilità e trasporti, ma anche per l'industria 4.0 ed education. Si sono già concretizzati, attualmente, 38 progetti 5G su 41.
 

Aggiornato in data

Le ultime News Internet