Glossario Selectra: Perdite di rete

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Confronta le offerte e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Definizione

Le perdite di rete definiscono tutte quelle dispersioni naturali di energia elettrica che avvengono all'interno della filiera energetica: dagli impianti di produzione dove l'energia viene prodotta fino alle utenze dei clienti privati o business.


Le perdite di rete vengono addebitate in bolletta e stabilite dall'ARERA in base al tipo di tensione del proprio contatore: bassa, media, alta.


Quota Perdite di Rete 2021
Tensione Contatore Quota Perdite di Rete
Bassa Tensione (BT) 10,2%
Media Tensione (MT) 3,8%
Alta Tensione (AT) 1,8%

Per un ulteriore approfondimento sul mercato energetico consulta il glossario di Selectra.

Chiama Selectra e i nostri consulenti ti aiuteranno a verificare la copertura  Glossario Energia di Selectra

Se vuoi parlare con un esperto energia per un ulteriore approfondimento sulla filiera dell'energia elettrica, contatta Selectra02 947 553 3902 947 553 39

Come si calcolano le perdite di rete in bolletta?

Prima dell'introduzione della scheda sintetica e della delibera dell'ARERA, luglio 2021, la quota dedicata alle perdite di rete veniva calcolata in bolletta all'interno della spesa per la materia energia. La spesa per la materia energia include al suo interno tutti i costi di approvvigionamento e dispacciamento dell'energia, tra cui le perdite di rete, e rappresenta circa il 35% della spesa totale della bolletta. Il costo per le perdite di rete (quota variabile della spesa per la materia energia) viene calcolato in base al prezzo dell'energia (PE). Quindi il costo per la materia energia in bolletta è la somma delle seguenti voci:

Costo Materia Energia = prezzo energia (PE) + perdite di rete + dispacciamento

Totale costo materia energia fatturato in bolletta

Con l'adozione della scheda sintetica imposta dall'ARERA nei confronti di tutte le società di vendita, per una maggiore chiarezza per il consumatore, il prezzo delle perdite rete è già incluso all'interno dell'offerta commerciale. Di conseguenza questa voce non viene calcolata direttamente in bolletta ma è già inclusa nell'offerta sottoscritta dal cliente. Ad esempio con l'offerta Next Energy di Sorgenia, a seguito della scheda sintetica, il prezzo che viene presentato al cliente finale già include le perdite di rete.

Perdite di rete: esempio Sorgenia
Perdite di rete: esempio Sorgenia - offerta Next Energy Luce

Qual è il ruolo di Terna?

All’interno della filiera dell’energia elettrica, Terna si occupa della trasmissione dell’energia elettrica, attraverso una rete di trasmissione nazionale con 74.723 km di linee elettriche in alta tensione. L’operatore Terna ricopre una sorta di ruolo di transizione tra i produttori di energia elettrica (esteri che nazionali) e i distributori locali di zona che gestiscono le singole utenze. Proprio sulla rete di trasmissione, in base alla lunghezza del percorso dell’energia elettrica, che si verificano le perdite di rete dell’energia. Di conseguenza più è lontano il punto di consumo dell’energia dal punto di produzione, maggiori sono le perdite di energia.

A fronte del ruolo svolto nella gestione delle perdite di rete, l'obiettivo di Terna è quello di avviare un piano di sviluppo e di transizione energetica. Il piano di sviluppo del 2020 ha previsto una serie interventi per oltre 14 miliardi di euro nel prossimo decennio al fine di una maggiore adeguatezza ed efficienza del sistema elettrico. Tra questi interventi, maggiore capacità di scambio con i produttori esteri, diminuzione delle perdite di rete e una riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Come funziona la filiera dell’energia elettrica?

La filiera dell’energia elettrica si divide in quattro segmenti: produzione, trasmissione, distribuzione, vendita al cliente finale. La produzione di energia, da fonti fossili o rinnovabili dai produttori esteri o nazionali, viene accumulata e trasmessa da Terna attraverso le reti elettriche (220 kV, 380 kV); dopodiché l’energia trasmessa viene gestita dai distributori locali di zona nonché i proprietari dei contatori. Al cliente finale non spetta che stipulare un contratto di vendita con una azienda fornitrice. Ma sarà sempre di competenza del distributore di locale di gestire i singoli contatori (attivazioni, disattivazioni, guasti, dati tecnici per l’autolettura).

Filiera dell'energia elettrica
Produzione Trasmissione Distribuzione Utenze

Fossile, rinnovabile, estera

Terna

Distributori locali di zona

Private o commerciali

Aggiornato in data