Coronavirus: stop bollette su tutto il territorio nazionale?

Risparmia con SelectraRisparmia con Selectra

Buono Amazon 100€ se attivi oggi luce e gas con Sorgenia!

Prezzo super competitivo fisso per 1 anno: luce a 0,035 €/kWh notte e giorno e gas a 0,19 €/Smc, nessun vincolo contrattuale e sconto di 60€ se porti un amico in Sorgenia.

Coronavirus: sospensione bollette luce, gas, acqua, nelle zone rosse.

A seguito della diffusione del coronavirus, il governo Conte, oltre alle politiche di contenimento del virus, attraverso il decreto approvato venerdì 28 febbraio dal Consiglio dei ministri, ha disposto la sospensione delle bollette di luce, gas, acqua e rifiuti fino al prossimo 30 aprile per i Comuni che per primi sono stati colpiti dal contagio, l’originaria “zona rossa”. Per quanto riguarda l'intero territorio nazionale, per ora, non c’è alcuno stop generalizzato per tutto il territorio nazionale.


Il provvedimento dell'esecutivo, paventato in un primo momento per una durata di tempo relativa a sei mesi, ha optato per un blocco più ristretto nel tempo su cui ora dovrà lavorare l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera).

Rimani aggiornato!Se questo genere di notizie ti interessano non perdetene una! Unisciti al nostro canale Telegram per ricevere news, offerte e consigli degli esperti del mercato luce e gas. Qui un approfondimento sulle ripercussioni economiche a livello mondiale proveniente dallo stop della Cina.

Misure approvate dal Consiglio di Ministri per i primi comuni colpiti

Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 28 Febbraio, ha, quindi, approvato il decreto legge nel quale è stato inserito, su iniziativa del Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, il pacchetto di misure che hanno l’obiettivo di sostenere tutte le imprese nelle zone rosse colpite dal morbo e che, quindi, vivono con grave difficoltà la paralisi imposta dal virus. Di seguito i provvedimenti approvati dal dicastero per fronteggiare lo stato emergenziale:

  • rafforzamento dell’intervento del Fondo di garanzia per le PMI: fino a 750 milioni di euro anche per le aziende ubicate in aree limitrofe alla zona rossa;
  • sospensione fino al 30 aprile 2020 dei pagamenti dei premi assicurativi;
  • sospensione fino al 30 aprile 2020 dei pagamenti di bollette elettriche, idriche, gas e dei rifiuti;
  • sospensione fino al 30 aprile 2020 delle sanzioni amministrative dovuti alla Camera di Commercio;
  • sospensione fino al 31 dicembre 2020 dei pagamenti dei mutui agevolati concessi da Invitalia;
  • proroga di tutti i bandi aperti legati al Ministero dello Sviluppo Economico.

Sospensione delle bollette per la prima zona rossa

Tra gli interventi avviati per le originarie zone rosse, il governo ha disposto anche la sospensione delle bollette di luce, gas, acqua. Si tratta di un provvedimento, ordinario, già attuato in passato, per affrontare altre emergenze, come quella dei terremoti che hanno colpito negli ultimi anni alcune aree del Paese.

Tuttavia, a differenza da quanto accaduto in passato in presenza di eventi sismici o altre calamità naturali, le forniture di luce, gas, acqua, degli utenti non hanno subito alcuna interruzione. Infatti, non essendo una emergenza con conseguenze sulle abitazioni, non c'è stata alcuna battuta d'arresto sui consumi energetici. Al contrario, il provvedimento ha lo scopo di garantire il fabbisogno energetico delle famiglie e delle imprese colpite dal contagio da Covid-19.

Bollette sospese su tutto il territorio nazionale?

Nonostante sia circolata più volte l'intenzione, l'ultimo decreto varato dal Governo Conte, decreto Cura Italia, non prevede alcun stop generalizzato per tutto il territorio nazionale. Resta in piedi, invece, la sospensione delle bollette di luce, gas, acqua e rifiuti fino al 30 aprile per i Comuni che per primi sono stati colpiti dal contagio (Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e Vo’ Euganeo). Tuttavia, alcune aziende hanno assunto delle iniziative per venire incontro a clienti che versano in difficoltà economica attraverso sospensioni temporanee. Infine su tutto il territorio nazionale. l'Arera ha deciso di rinviare dal 10 marzo al 3 aprile le procedure di distacco per i clienti morosi. Lo stesso distributore Italgas, attraverso un comunicato, ha deciso di sospendere interventi di questo tipo.

Prossimi impegni dell'Arera

In questo frangente l'impegno dell'Arera nei prossimi giorni sarà quello di fissare i criteri per la sospensione temporanea fino al 30 aprile dei termini di pagamento delle fatture e degli avvisi di pagamento emessi o da emettere, per i Comuni interessati dalle misure di contenimento.

Inoltre, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto legge, l'authority dovrà anche disciplinare le modalità di rateizzazione delle fatture e dei solleciti di pagamento sospesi e di conseguenza individuare le relative coperture delle componenti tariffarie, senza nuovi o maggiori oneri in bolletta a carico degli utenti.

Aggiornato in data

Le ultime News dal mondo Luce e Gas