Spese Casa per Risparmio Energetico: dal 1 luglio arriva il 50% di sconto!

Sconto risparmio energetico

Dal 1 luglio 2019, con il d.l. n.34/2019 (cd. Decreto Crescita), si prevede l’entrata in vigore di una interessante possibilità per tutti gli utenti che desiderano effettuare spese per la riqualificazione energetica. Lo Stato, invece delle consuete detrazioni, offre la possibilità di ottenere il 50% di sconto direttamente in fase di investimento/acquisto per risparmio energetico. Vediamo nel dettaglio le novità introdotte e le applicazioni.


  • In poche righe...
  • Dal 1 luglio sarà possibile usufruire, direttamente al momento dell'acquisto, il 50% di sconto per spese effettuate per il risparmio energetico dell'abitazione.
  • Il credito sarà "trasferito" dall'acquirente al commerciante. L'Agenzia delle Entrate farà risparmiare il venditore sottoforma di credito di imposta in 5 anni.
  • Le novità sono in aggiunta a quanto già previsto per l'Ecobonus.

Spese per Risparmio Energetico: arriva lo Sconto immediato (al posto delle detrazioni)!

Stai pensando di ristrutturare casa, cambiare il vecchio climatizzatore o sistemare gli infissi ma pensi che sia troppo costoso? Ebbene, ti sbagli! Meglio se leggi questa news.

Dal 1 luglio 2019 entrano infatti in vigore le nuove, interessantissime, regole di detrazioni fiscali riservate agli acquirenti intenzionati ad effettuare spese e investimenti per il risparmio energetico delle proprie abitazioni. Lo Stato, al fine di incentivare ancor di più il settore economico “Casa, Edilizia e affini”, ha pensato per questi utenti di sostituire il sistema di detrazioni, introducendo la possibilità di uno sconto direttamente in fase di spesa. Si tratta di una grandissima novità che darà sicuramente nuova vita a questo settore.

Come funziona?Al posto delle consuete detrazioni, ammortizzabili in 10 anni e previste per chi affronta spese in ambito Risparmio Energetico, lo stato ha ipotizzato di far risparmiare sin da subito chi si appresti a investire in risparmio e riqualificazione energetica, potendo già contare su uno sconto reale in fase d’acquisto, pari alla percentuale da detrarre.

Climatizzatori, caldaie a condensazione e boiler a pompa di calore, infissi isolanti, stufe a pellet o addirittura su pannelli fotovoltaici. Compiere questo tipo di investimenti, potrà essere più appetibile per l’utenza dal momento che sarà possibile scegliere di usufruire direttamente in fase di acquisto dello sconto immediato del 50% sul totale dell’importo da sostenere, rinunciando quindi agli importi detraibili successivamente in 10 anni di dichiarazioni.

Nella tabella che segue trovi tutti gli interventi ammessi e le relative percentuali di sconto previste:

Interventi ammessi % Sconto previsto
Serramenti e infissi  50%
Schermature solari
Caldaie a biomassa
Caldaie a condensazione classe A
Interventi ammessi % Sconto previsto
Riqualificazione globale edificio  65%
Caldaie condensazione classe A++ (sistema termoregolaz.evoluto)
Generatori di aria a condensazione
Scaldacqua a PDC
Coibentazione involucro
Collettori solari
Generatori ibridi
Sistemi building automation
Microcogeneratori
Pompe di calore
Interventi ammessi su parti comuni dei condomini % Sconto previsto
Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente 70%
Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + qualità media dell'involucro 75%
Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 1 classe rischio sismico 80%
Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 2 o più classi rischio sismico 85%

La ratio del provvedimento e come fare

La ragione per cui lo Stato decide di spingere sullo sconto immediato deriva dall'idea di spingere il settore e trainare l'economia. Le nuove norme infatti:

  • favoriscono i cittadini, che troveranno più conveniente investire nel risparmio energetico dell’abitazione/condominio,
  • danno una grande mano alle vendite dei commercianti e dei liberi professionisti, incentivando le vendite
  • aiutano l'ambiente andando incontro alle direttive europee e mondiali
  • combattono il nero, in quanto ora sarà molto più conveniente per gli acquirenti richiedere la fattura

Tecnicamente funzionerà così: la fattura emessa dal commerciante dovrà riportare l’importo dovuto per intero, mentre il cliente sosterrà solo il 50% dell’importo da corrispondere. Il cittadino può quindi usufruire di uno sconto immediato “cotto e mangiato” pagando tramite bonifico le ristrutturazioni. In questo modo, l’utente non dovrà attendere attendere la restituzione dallo Stato del 50% in 10 anni di dichiarazioni.

Il vantaggio è che anche chi non ha capienza Irpef potrà scontare tutto il dovuto non perdendo nulla rispetto al sistema detrazioni (con il sistema detrazioni attivo fino ad ora bisognava verificare che sussistesse tale requisito, n.d.r.).

Cos'è la capienza? Il sistema di detrazioni fiscali prevede un grande limite. Infatti, essendo alleggerimenti su Irpef o Ires, si può beneficiare di detrazioni solo se l’importo che si paga in tasse non risulta essere superiore alla somma da portare in detrazione, quindi se c’è capienza appunto.

Obbligo previsto per l’utente sarà quello di comunicare con l’Agenzia delle Entrate in merito all’avvenuta cessione del credito in modo tale che il venditore possa vantare tale credito sotto forma di credito d’imposta da utilizzare nell’arco di 5 anni.

Con l’Ecobonus il risparmio aumenta

Attraverso l’interlocuzione parlamentare sul Decreto Crescita, si aggiunge la possibilità di usufruire dello sconto in fase iniziale, ferme restando le aliquote già previste per quest’anno dalla Legge di Bilancio. Si risparmierà moltissimo anche con quegli interventi di riqualificazione energetica che rientrano nell’Ecobonus, quindi da certificare tramite comunicazione con l’Enea (Agenzia Nazionale Efficienza Energetica).

Come visto nella tabella sopra riportata, con tali interventi le percentuali di sconto e abbattimento arrivano fino all'85% nel caso di lavori condominiali volti a migliorare il profilo energetico dell’intero complesso.

Dunque si tratta di forti sconti immediatamente fruibili per ambo le parti: i cittadini risparmiano subito, le aziende attive nel settore lavorano invece nel breve-medio termine e ottengono uno sconto sul credito d’imposta in 5 anni. Certamente una misura che aiuterà molto la ripresa dei consumi di questo settore!

Aggiornato in data

Le ultime News dal mondo Luce e Gas